19 gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 02.39
La nuova legislatura prende il via venerdì

I ‘grillini’ all’Ars tornano in venti e marciano su Palazzo dei Normanni

13 dicembre 2017

Una marcia di avvicinamento verso uno dei più importanti palazzi del potere siciliano che ospita il parlamento regionale, dove i 5stelle (che sarebbero dovuti arrivare da vincitori) sono il primo gruppo, con la consapevolezza che difficilmente il clima trasversale che si respira gli porterà via una delle due vicepresidenze.

Anche per questo è tempo di annunci e di coinvolgimento ‘social’: “Venerdì 15 dicembre si aprirà ufficialmente la nuova legislatura – scrivono i pentastellati – saranno cinque anni di opposizione serrata, dove porteremo nuovamente nelle istituzioni la voce di milioni di siciliani. Grazie a voi siamo ancora più forti. Siamo il gruppo più numeroso all’Ars e la prima forza politica dell’Isola. Per questo vi invitiamo, tutti quanti, a unirvi a noi, il giorno dell’insediamento, per una passeggiata che ci porterà fin sotto l’Assemblea Regionale Siciliana dove si terrà la prima seduta del nuovo Parlamento. Sarà un giorno di festa. A entrare nel palazzo non saranno solo i 20 portavoce del Movimento, con loro ci saranno le migliaia di cittadini che il 5 novembre hanno votato il futuro”

Il programma prevede il raduno ai Quattro Canti (angolo corso Vittorio Emanuele con via Maqueda) già di primo mattino alle 8.30, la sfilata lungo corso Vittorio Emanuele direzione Palazzo dei Normanni (sede dell’Assemblea Regionale entro le 9 del mattino e – insediamento a sala D’Ercole dei 70 Parlamentari tra cui i 20 del Movimento 5 Stelle.

I ‘grillini’ di Sicilia ripartono dunque dopo l’exploit da 700mila voti di Cancelleri e dal suo 35%, che però non gli è bastato a diventare presidente della Regione Siciliana. Una non-sconfitta / non-vittoria, che però porta in dote una cospicua pattuglia di parlamentari regionali.

Sconti per il nuovo governo, dicono, non ne faranno. Vedremo… 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Il Mercatino delle Idee Usate
Ho curiosità di vedere i nomi dei grandi statisti inseriti nei collegi bloccati. Quali sono queste persone d’indubbio spessore, contenuto e alta moralità di cui la patria non saprebbe fare a meno? Spiegatemi perché in questo paese dove non esiste la meritocrazia e perché dobbiamo essere sempre o “sudditi” o “tifosi”, ma mai “protagonisti”?
Blog di Rosario Gianni Leone
Liceo in quattro anni: i pro e i contro della sperimentazione
Lo scorso 29 dicembre, suscitando molte meno polemiche rispetto al momento della approvazione ministeriale dello scorso agosto, il Ministero dell'Istruzione ha pubblicato l'elenco delle scuole di II grado ammesse alla sperimentazione del liceo con un corso di soli quattro anni.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...