12 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.27

Il bombardamento su Palermo del maggio 1860

12 Luglio 2019

Il 27 maggio 1860, le truppe garibaldine, guidate dal loro condottiero, irrompono a Palermo attraverso Porta di Termini.

La città era intanto insorta, dovunque si innalzano barricate, e il popolo in arme, perfino preti e monaci, affronta i soldati regolari. Il comandante della piazza di Palermo, generale Ferdinando Lanza, perde il controllo della situazione e, nella concitazione del momento, assumendosene la responsabilità, ordina alle batterie del forte del Castello a Mare e a quelle della squadra navale di puntare i cannoni e far fuoco sulla città per colpire gli acquartieramenti del nemico.

Le bombe piovono su Palermo, cadono sulle case, cadono sugli ospedali, cadono sulle chiese, un bombardamento indiscriminato che rade al suolo interi quartieri e che provoca un numero imprecisato, ma in ogni caso molto alto, di vittime. Un bombardamento che indigna, per la sua efferatezza i tanti osservatori diplomatici stranieri che, insieme ai loro concittadini, si erano rifugiati sulle navi da guerra che erano state fatte confluire in quei giorni a Palermo per tutelare i loro interessi.

Quel bombardamento provocò lo sdegno perfino dei filo borbonici, non è un caso che il cappellano militare, don Giuseppe Buttà, definirà nel suo Un viaggio da Boccadifalco a Gaeta… “il massimo del delitto, dell’infamia e della pazzia”.

Quel bombardamento, deciso senza avere richiesto l’assenso di Francesco II, addolorò particolarmente il sovrano che da Napoli fece pervenire l’ordine di non ripetere azioni di quel tipo. Quel bombardamento, infine, costituì il punto più alto della lacerazione dei rapporti fra Palermo e i Borbone. Il 30 maggio, a seguito di un armistizio mediato dai diplomatici inglesi, i cannoni cessarono di vomitare micidiali bombe su Palermo che offriva una immagine da apocalisse. “La bellissima metropoli dell’isola – scrisse l’ammiraglio inglese  Rodney Mundy – presentava uno spettacolo da lacerare il cuore”.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.