23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.38
Catania

Tanti gli eventi in nome della solidarietà

Il Carnevale di Acireale ricorda Margherita, Lorenzo ed Enrico

1 Marzo 2019

Del Carnevale di Acireale, uno dei più belli d’Italia, che catapulta in un clima di euforia e si svolge, quest’anno, dal 17 febbraio al 5 marzo, abbiamo già parlato; ma purtroppo, dopo la tragedia di Santa Maria la Scala, di domenica 24 febbraio, in cui hanno perso la vita Margherita Quattrocchi, Lorenzo D’Agata ed Enrico Cordella, che risulta ancora disperso, la realtà con tutta la sua crudezza è entrata a gamba tesa, cancellando la spensieratezza che il clima carnascialesco produce.

Il Carnevale di Acireale non è stato annullato, ma tanti sono stati gli eventi che, il primo cittadino, Stefano Alì, il presidente della Fondazione Carnevale di Acireale, Orazio Fazzio, il direttore artistico, Giulio Vasta, assieme ad Andrea Benanti, di Aci comics, e Francesco Cacciola, parte attiva dell’organizzazione,  hanno voluto dedicare ai tre ragazzi per ricordare quanto Acireale sia vicina alle famiglie e li abbia nel cuore. Il sindaco, il 27 febbraio, ha proclamato il lutto cittadino e una fiaccolata, nella frazione di Santa Maria La Scala, ha riunito la comunità in preghiera; giovedì 28 febbraio, lo spettacolo serale è stato interamente dedicato ai tre giovani prematuramente scomparsi.

Divertimento, quindi, ma non solo: la mattina del 28, infatti, maschere, coriandoli, allegria, bolle di sapone e la diavoletta “Lavica” hanno regalato un sorriso agli ospiti dell’AIAS di Acireale e, poi, in due diversi incontri ai piccoli ricoverati nei reparti di Neuropsichiatria infantile e di Pediatria del locale Ospedale. La mascotte in carne, ossa e sorriso, ha partecipato anche alla festa in maschera organizzata nel pomeriggio nell’Hotel Maugeri che ospita alcune famiglie di terremotati. Il Cda della Fondazione Carnevale di Acireale e il direttore artistico hanno deciso, proprio all’insegna della solidarietà, di ricordare Margherita, Lorenzo ed Enrico, ai quali saranno dedicati un minuto di silenzio, un lungo applauso, in occasione dell’inizio dei vari eventi in calendario, e le prossime edizioni del Carnevale acese. Cento palloncini bianchi, inoltre,  sono stati liberati in volo, nel pomeriggio del 28, per ricordarli all’inizio di Aci Comics & Games, parata in cosplay.

Il Comune di Acireale, su iniziativa del Lions Club e il Leo Club di Acireale, in sinergia con la Presidenza del Consiglio comunale e la collaborazione del consigliere comunale Fabio Manciagli, ha aderito, anche quest’anno, all’iniziativa “M’illumino di meno“, progetto ideato da “Caterpillar” di Rai Radio2, nel 2005, che, invitando i propri ascoltatori a spegnere tutte le luci che non sono indispensabili, fa bene al pianeta e a noi che lo abitiamo. Così, venerdi 1 marzo, il Palazzo di città e piazza Duomo, dalle 19 alle 19.15, si ritroveranno al buio, ma illuminati da candele che, simbolo della caducità della vita, ricorderanno, una volta di più agli acesi, Margherita, Lorenzo ed Enrico, troppo presto strappati alla vita.

Chiudiamo con una frase di Charles Baudelaire che ci ricorda quanto sottile sia il filo invisibile che unisce il di qua all’altrove: “Assai più che la Vita è la Morte a tenerci sovente con lacci sottili“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.