17 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.56
Messina

la nota di Orlando Russo

Il ministro Grillo all’ospedale di Taormina, i sindaci protestano: “Tour offensivo prima del voto”

23 Maggio 2019

La visita del Ministro della Salute, Giulia Grillo, stamattina all’ospedale “San Vincenzo” di Taormina ma più in generale il tour di queste ore anche in altri ospedali della Sicilia Orientale lascia strascichi polemici. Sulla questione, infatti, si è registrata una dura presa di posizione del presidente dell’Unione dei Comuni Naxos-Taormina, il sindaco di Castelmola, Orlando Russo che in una nota lamenta il mancato invito ai sindaci della zona.

“Tutto potevamo pensare – scrive Russo – tranne che una ministra del M5S scegliesse di visitare gli ospedali a 48 ore dall’apertura delle urne. Se fosse di Milano e di passaggio in Sicilia non ci sarebbe nulla da dire e niente da eccepire. Ma poiché il Ministro alla Salute è di Catania e vive a Messina, quest’azione appare quanto meno inopportuna e desta non poche perplessità. Riteniamo che si tratti, insomma, di un’offesa alle nostre città e ai loro abitanti. I sindaci non sono gli ospiti del territorio ma i protagonisti di ogni giorno e sono stati ignorati, neppure invitati”.

Poi l’affondo finale: “É una vergogna – ha aggiunto Russo – che chi predica in politica moralità si comporti poi così. Un ministro dovrebbe conoscere l’abc del galateo istituzionale, così invece si fa fatica ad apparire credibili. Non possiamo che registrare con rammarico e disappunto, per l’ennesimo esponente M5S del governo un livello di approssimazione istituzionale disarmante”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.