14 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.12

Ieri tappa a Palermo, oggi Trapani e poi Messina

Il ministro Locatelli in Sicilia: “Più fondi per mamme e invalidi” | VIDEO INTERVISTA

27 Agosto 2019

 

Guarda la video intervista in alto

Mentre nelle stanze dei palazzi romani, Pd e Cinque Stelle si stanno mettendo d’accordo per formare un nuovo governo, il ministro della Famiglia e delle Disabilità, la leghista Alessandra Locatelli, è in Sicilia per incontrare associazioni e volontari e per visitare realtà dal forte impatto sociale. Un modo per rendersi conto in prima persona delle problematiche del territorio e per spiegare il lavoro svolto finora.

Un momento dell’incontro al Malaspina

A Palermo – accompagnata dal commissario provinciale della Lega Antonio Triolo e dal responsabile enti locali e capogruppo al Comune Igor Gelarda, il ministro visita l’istituto penale minorile “Malaspina“, dove viene ricevuta dal direttore Clara Pangaro, insieme al comandante Francesco Cerami, al direttore del Centro per la Giustizia Minorile Rosanna Gallo e al magistrato di sorveglianza del tribunale per i minorenni Mariarosaria Gerbino. Un’ora di visita, alla presenza anche degli operatori della struttura, durante la quale la Locatelli incontra i ragazzi detenuti, dialoga con loro e visita le strutture del carcere, fra cui il laboratorio dove vengono preparati i biscotti: “Qui ho trovato tanto impegno e tanto valore nelle attività svolte”.  

Quindi è la volta del Policlinico di Palermo dove nell’Aula magna si svolge un lungo incontro con le associazioni del mondo delle disabilità e della famiglia. Fra queste, presenti – fra gli altri – i volontari di Anffas (l’associazione dei familiari delle persone con disabilità intellettiva e relazionale), del Forum delle Famiglie, ma anche il sindacato Ugl e diverse realtà siciliane impegnate in questi due settori.

Un incontro durante il quale il ministro spiega le politiche attuate dal governo in favore della famiglia: “Abbiamo aumentato i fondi a disposizione, nuove collaborazioni con le regioni. Posso anche dire che proprio oggi sarà pubblicato un bando di 74 milioni di euro per stimolare le aziende al fine di rendere flessibili gli orari per le mamme e creare spazi a disposizione per i bambini, in una parola per rendere più conciliante la possibilità di lavorare e di avere una famiglia”.

“Per quanto riguarda le disabilità – aggiunge –  stiamo cercando di aumentare i fondi a disposizione. Qualche giorno fa mi sono recata dal ministro Tria per chiedere un aumento significativo degli assegni di invalidità”. 

In merito all’ipotesi sempre più concreta di un governo fra i grillini e il Pd, il ministro è tranciante: “Posso solo dire che siamo a disposizione del popolo, della gente che ci ha votato e crede nelle politiche della Lega e di Matteo Salvini. La parola per noi deve tornare al popolo. Se dovesse nascere questo governo, i cittadini saranno stati traditi, perchè i Cinquestelle avrebbero consegnato il Paese al partito di Bibbiano”. 

Dopo Palermo, oggi è la volta di Trapani e quindi Messina, dove sono previsti altri incontri con associazioni e realtà del territorio.

Guarda la video intervista in alto

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.