22 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.11

"Grazie anche a Voi perchè contribuite a non far dimenticare anche i nostri colleghi con i giudici"

Il ricordo di Antonino Vullo sopravvissuto in Via D’Amelio (VIDEO esclusiva)

28 Maggio 2019

L’agente Antonio Vullo, oggi in pensione, è l’unico sopravvissuto della strage di Via D’Amelio, ventisette anni fa il 19 luglio.

Sei morti quel tragico giorno dopo la strage di Capaci – il magistrato Paolo Borsellino e cinque agenti di scorta.

 

Vullo, all’epoca, era in servizio come autista: il giorno della strage, alle 16.00, nell’attimo in cui Paolo Borsellino ed i cinque colleghi della scorta scendevano dall’auto per andare a citofonare alla madre del giudice (prima di saltare in aria a causa di una Fiat 126 imbottita di tritolo), lui è tornato indietro per parcheggiare meglio la macchina.

«Mentre ero girato con il viso per fare retromarcia, ho sentito un’ondata di calore infernale e poi il boato. Sono sceso dall’auto che era già in fiamme. Intorno a me era tutto buio», ha raccontato.

«Ho avuto una sensazione quel giorno. Fisicamente sono uscito dall’auto da solo, ma è stato come se i miei cinque colleghi e il magistrato mi avessero tirato fuori mentre stava prendendo fuoco».

Oggi ci racconta della sua bella amicizia con Vito Schifani l’agente della scorta di Giovanni Falcone che perse la vita nella strage di Capaci.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.