26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.09

I dati diffusi da Bankitalia

In Sicilia aumentano le persone in cerca di lavoro. Calo nelle costruzioni e nei servizi

9 Novembre 2018

Lavoro, lavoro, lavoro: in Sicilia è praticamente un mantra. L’ossessione dei siciliani per la ricerca di un’occupazione sembra essere confermata dalle statistiche anche nel 2018, o almeno per quel che riguarda i primi sei mesi dell’anno che si sta per concludere. Tra gennaio e giugno, infatti, in Sicilia si è registrato un aumento del 1,5% delle persone in cerca di occupazione. Il dato è stato diffuso da Bankitalia ed è contenuto nel Report sull’economia delle regioni italiane. Una percentuale bassa, anche se in controtendenza rispetto a quella  registrata alla fine dell’anno scorso, quando la variazione fu addirittura negativa e il dato si attestò a -2,4%. Leggermente in ascesa anche la forza lavoro presente nell’isola, con una variazione dello 0,5% (a fine dicembre 2017 si era registrata una crescita dello 0,4%).

L’analisi comparata dei primi sei mesi dell’anno, se si prendono in considerazione le altre realtà d’Italia, fa comprendere come le variazioni, che certo devono tenere conto dei valori di partenza di ciascuna delle economie regionali, siano decisamente variabili nel nostro Paese, fino a distacchi rilevanti tra regione e regione. Si va dall’aumento delle persone in cerca di occupazione in Liguria (+8,8%) alla diminuzione percentuale delle Marche, che tocca addirittura il -23%. In mezzo non mancano le sorprese, con un +4,3% nel Veneto, per esempio, o un -13.7% in Puglia.

Ma torniamo alla Sicilia: lo studio di Bankitalia prende in considerazione anche le variazioni del numero degli occupati nel periodo gennaio-giugno2018 rispetto ai singoli settori dell’economia. Una percentuale positiva si registra in agricoltura, dove si registra una crescita del 14,9%. Addirittura +17% il dato che riguarda l’industria in senso stretto. In calo, invece, nei primi sei mesi dell’anno, gli occupati nelle costruzioni, settore trainante dell’economia siciliana ma che sta attraversando un lungo stato di crisi. In questo caso, infatti, gli occupati sono calati del 2,4%. Stesso discorso deve essere fatto per il settore dei servizi, con una percentuale negativa del 2,5%.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.