16 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.58

Si teme che possa finire nelle mani sbagliate

In vendita la casa di Franco Battiato a Milo e c’è chi chiede che la acquisti la Siae | VIDEO

6 Maggio 2019

La villa di Franco Battiato a Milo, in provincia di Catania, è in vendita. L’annuncio è di qualche settimana fa, ma per alcuni giorni su Youtube è circolato anche un video realizzato dall’immobiliare Remax Platinum, che mostra la proprietà, sia negli esterni che in alcuni ambienti interni.  video poi cancellato. Si tratta di una grande villa con diverse camere da letto, tre bagni e due piscine, una coperta e una scoperta e oltre un ettaro di terreno circostante. La villa sarebbe stata messa in vendita dai familiari del cantautore, sulle cui condizioni di salute da tempo circolano illazioni e voci varie.

E adesso – proprio per evitare che la villa finisca in mani sbagliate – è stata lanciata la proposta che ad acquistarla sia la Siae.

L’idea di tutelare questo luogo è di Franco Zanetti, direttore di Rockol.it, che in un articolo, apparso sul magazine musicale, sottolinea che “in un Paese civile […] interverrebbe lo Stato per impedire che un’abitazione di grande valenza culturale come è la casa di Franco Battiato finisse nelle mani di qualcuno che non sappia valorizzarla. Penso ad esempio all’Espace Georges Brassens a Séte, un museo interattivo meta di migliaia di visitatori. Chi, in Italia, potrebbe essere chiamato a compiere un gesto di mecenatismo culturale? Penso alla SIAE, che potrebbe acquisire la proprietà dell’abitazione, consentendo a Battiato di abitarla finché sarà in vita e poi farne un archivio-museo delle opere dell’artista”.

“Immagino – prosegue Zanetti – che l’ipotesi sia di difficile realizzazione, ci saranno certamente mille difficoltà burocratiche, ma trovo insopportabile l’idea che il luogo in cui Battiato aveva scelto di vivere, e aveva dichiarato di voler morire, finisca nelle mani di qualcuno al quale magari di Battiato non importi nulla. Mi piacerebbe che qualcuno in SIAE leggesse e rispondesse”.

In queste ore, intanto, la proposta di salvaguardare la Villa di Battiato è anche sbarcata su Change.org, dove – si legge –  è nata una petizione per chiedere “alla SIAE l’acquisto per uso archivio-museo delle opere dell’artista ed attività culturali, consentendo a Battiato di abitarla finché sarà in vita”: “Evitiamo – c’è scritto – altre tristi vicende che spesso hanno seguito la scomparsa di numerosi artisti italiani. Evitiamo che la villa di Battiato finisca nelle mani di chi non sappia valorizzarla”.

LEGGI ANCHE

A Milo nasce un comitato per salvaguardare i luoghi di Franco Battiato

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.