14 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.04
Agrigento

Tutte le spiagge dove si pratica il naturismo

In vista della stagione estiva la Sicilia si riscopre paradiso nudista

26 Marzo 2017

In vista della stagione estiva, la Sicilia si conferma come meta preferita per i nudisti. Oltre al turismo balneare prediletto dalle famiglie e a quello culturale, infatti, c’è un turismo decisamente più di nicchia che ama frequentare alcuni gioielli naturalistici dell’Isola, da tempo scelti come proprie mete fisse dagli amanti del naturismo, da coloro, cioè, che prediligono uno stile di vita dedito alla simbiosi con la natura, al punto da vivere i propri momenti di relax in totale nudità.

Il più delle volte si tratta di uno stile di vita, che non ha niente a che fare con il sesso, ma che esiste da molti anni e non è mai tramontato. E anzi, in Sicilia i turisti e le mete nudiste sono in numero crescente.

Di seguito, alcuni luoghi preferiti dai naturisti per i propri soggiorni estivi.

Agrigento

Per chi sceglie la provincia di Agrigento, ad esempio, una spiaggia molto amata è quella di Eraclea Minoa, nei pressi di Cattolica. Nella stessa provincia agrigentina ci sono anche la spiaggia che si trova alla foce del Fiume Platani e la quotatissima Torre Salsa, a pochi chilometri da Siculiana, all’interno di un’area naturale di rara bellezza, dichiarata riserva e gestita dal WWF. Qui, però, bisogna stare con gli occhi aperti, perché in anni passati decine di persone sono state denunciate dai carabinieri, con l’accusa di atti osceni in luogo pubblico, forse a causa della contemporanea presenza di bagnanti “tradizionali” e famiglie con bambini. A Lampedusa, nei pressi dell’Isola dei Conigli, c’è la scogliera di “Ballata bianca”, ma anche la spiaggia nudista di località Guitgia.

Siracusa

Nel Siracusano la riserva di Vendicari, raggiungibile dalla città aretusea imboccando la Statale 115 in direzione Avola-Noto-Pachino, è un luogo dove non di rado si pratica il naturismo. Qui c’è la spiaggia di Marianelli, vera e propria oasi nudista, ma anche la spiaggia di Calamosche. In quest’ultima, talvolta, sono stati registrati interventi della Forestale, che hanno invitato i bagnanti a “coprirsi”. Possibilità di praticare il naturismo anche nelle spiagge alla foce del fiume Ciane, dopo un chilometro dal frequentatissimo lido di Sayonara. A Cassibile occorre invece cercare un’azienda agrituristica con formula b&b a gestione familiare che ospita anche naturisti.

Palermo

In provincia di Palermo, il nudismo può essere praticato a Lascari, in due differenti località: la prima è nei pressi della spiaggia attrezzata delle Salinelle. Una volta raggiunto il posteggio della spiaggia, chi ama il naturismo lascia l’auto e oltrepassa a piedi i lidi andando verso destra, camminando sulla sabbia per almeno duecento metri, fino a quando non ci sono più sdraio e ombrelloni. L’altra spiaggia, sempre a Lascari, è in contrada Gorgo Lungo.

Sempre in provincia di Palermo c’è poi la storica spiaggia di Balestrate, raggiungibile posteggiando l’auto dopo il cimitero e proseguendo a piedi. Qui spesso i nudisti vi si recano nei periodi di minore affollamento. Più vicina al capoluogo siciliano c’è la riserva naturale di Capo Gallo-Barcarello, raggiungibile a piedi. Per raggiungere i luoghi battuti dal turismo naturista, si posteggia l’auto nei pressi del porto di Barcarello, lato Sferracavallo, e si prosegue a piedi per alcune centinaia di metri. Più in là si va e più è possibile trovare insenature in cui è possibile praticare il nudismo, mentre se si oltrepassano a piedi le piattaforme in cemento della cosiddetta Fossa del Gallo, si raggiungono altri piccoli scorci. Infine, sempre a Sferracavallo, nei pressi del capolinea degli autobus, c’è la spiaggia delle Vergini, un’insenatura isolata prediletta dai naturisti.

Catania

Nel catanese c’è la spiaggia naturista di Acireale, nei pressi del Mulino, ma anche quella più vicina alla città etnea, in località Caito, che è possibile raggiungere dopo avere attraversato l’ultimo binario della stazione.

Caltanissetta

Qui, c’è Gela, dove il sindaco ha annunciato che a partire dal 2016 destina ben sei chilometri di spiaggia ai bagnanti amanti del nudismo.

Messina

Nel Messinese, a poche decine di metri dai laghetti di Tindari si possono trovare zone frequentate da nudisti nella spiaggia di Marinello; poco distante c’è un’altra spiaggia interamente naturista, raggiungibile camminando per tre chilometri da Marinello lungo il sentiero dei laghetti; a Milazzo c’è la spiaggia naturista di località Tono, sul viale Marinaio d’Italia. Più vicine alla città messinese ci sono la spiaggia di San Saba e quella di Giampilieri, raggiungibile dall’Autostrada Messina-Catania, uscendo al bivio Tre Mestieri. Spiaggia naturista con struttura ricettiva anche nell’isola di Vulcano.

Nei pressi di Taormina c’è la spiaggia naturista di Rocce Bianche, nota a livello internazionale. A pochi chilometri di distanza, a Forza d’Agrò, altra spiaggia nudista in contrada Parrino.

Trapani

In provincia di Trapani, i nudisti possono scegliere di recarsi in una spiaggia abbastanza tranquilla di Scopello, non distante dall’antica tonnara. La spiaggia è raggiungibile a piedi, lasciando l’auto alla galleria sulla statale 187. Altra località prediletta dai nudisti si trova nei pressi di Selinunte, dove c’è la spiaggia della foce del fiume Belice, appartata perché circondata da un bosco. A Mazara del Vallo c’è la spiaggia “Capo Feto”, un arenile selvaggio, circondato da macchie di natura mediterranea e con un mare cristallino, una tra le spiagge nudiste più belle dell’isola.

E sempre a Mazara è presente un B&B, immerso nel verde, a due passi dal paese che organizza da anni pacchetti naturisti con guide che consiglieranno le mete più belle con crociere e mini crociere rigorosamente senza veli, compresi di skipperhostess.

Insomma, un’Isola che per collocazione geografica e per le sue spiagge, spesso incontaminate e lontane da occhi indiscreti, si conferma come un vero e proprio paradiso nudista.

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.