15 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.54

Dalla Campania i primi due passeggeri paganti

Inaugurato il volo Trapani Birgi Napoli Capodichino gestito da Hellofly

22 Settembre 2019

Che sia per andare a provare il gusto di una pizza verace o per seguire nuove occasioni di business, adesso, Napoli è più vicina per i cittadini del trapanese che, due volte alla settimana, potranno imbarcarsi sul nuovo volo effettuato da Hellofly dall’aeroporto Vincenzo Florio di Trapani Birgi e diretto a Capodichino. E viceversa, visto che vengono dalla Campania, i primi due passeggeri paganti in occasione del volo inaugurale, che sarà operativo ogni lunedì e venerdì. Presenti per la compagnia Hellofly il comandante e Ceo Teodosio Longo, Maria Di Simone, socia e responsabile commerciale e booking, Paolo Amodeo, flight operations manager, per Airgest il direttore generale Michele Bufo, il responsabile Operations Caterina Curatolo, la responsabile Terminal, Gabriella Bosco.

Tutti i dettagli del nuovo volo Trapani Napoli

Gestito dalla compagnia maltese Hellofly, legata alla holding Malta Flight, impegnata già nell’attività charteristica, soprattutto con le squadre di calcio, partirà per tutto settembre da Trapani alle 15,00 con arrivo alle 16,10 e ritorno da Napoli alle 17,00 con arrivo alle 18,10. Ad ottobre, da Trapani alle 8,10 e arrivo a Napoli alle 9,20 e ritorno da Capodichino alle 10,05 e arrivo alle 11,15. Tariffe a partire da 55€ solo andata, tasse incluse, allo scopo di lanciare  la tratta, e capire la domanda. In più ci sono agevolazioni sul parcheggio in aeroporto a Trapani, al costo di soli 3 euro al giorno, presentando la carta di imbarco alla cassa. L’aeromobile è un turboelica Saab 340 da 33 posti e copre la distanza in circa un’ora. I voli sono operati dalla compagnia dell’Estonia Nyaxir. Acquisti su www.hellofly.it

«Inaugurare un nuovo volo è un’abitudine che, qui all’aeroporto di Trapani Birgi, vogliamo assolutamente fare diventare un vizio – commenta il presidente Airgest, Salvatore Ombra -. Collegare Trapani a Napoli in giornate e con orari business è un passo importante per estendere gli interessi commerciali del territorio. Ci aspettiamo una risposta positiva, data la sensibilità dei nostri concittadini alle sorti dell’aeroporto, mostrata attraverso i social, i comitati e le manifestazioni pubbliche. Ora hanno la possibilità di farlo attraverso l’acquisto di un biglietto semplicemente per fare una passeggiata a Napoli e acquistare una mozzarella. Il sostegno a iniziative come queste ci permetterà di moltiplicarle, rendendo l’aeroporto forte ed economicamente autosufficiente».

«L’iniziativa di un imprenditore coraggioso – commenta il direttore generale di Airgest, Michele Bufo – a cui abbiamo dato tutto il nostro supporto perché qui a Trapani facciamo volare i sogni e i progetti anche delle compagnie più giovani, come Hellofly».

«Siamo vogliosi di confermare la tratta e andare avanti. Non ci manca il coraggio, – replica Teodosio Longo, CEO di Hellofly – speriamo che la domanda ci sia e che, anche grazie al supporto che abbiamo avuto da Airgest, i due voli settimanali possano diventare tre o quattro. Stiamo valutando anche altre rotte, verso la Puglia, in particolare su Brindisi, e puntiamo a restituire la continuità che c’era con Malta, operata in passato da Ryanair».

Rosalia D’Ali, presidente del Distretto turistico Trapani Western Siciliy che ha preso parte al decollo del primo volo per Napoli ha commentato: «L’inaugurazione di un volo è un fatto, e di fatti abbiamo bisogno. Per questo siamo a fianco dell’iniziativa di Hellofly e dell’aeroporto di Trapani Birgi a sostegno della promozione del territorio. Con Napoli, poi, c’è sempre stato un feeling e possiamo rafforzare questo legame. Come distretto turistico faremo qualche iniziativa digitale nel napoletano per far sì che anche da lì arrivino turisti nella nostra terra a loro così affine».

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.