7 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.50

Le parole del legale del deputato regionale

Indagini & politica, la controffensiva di Savona: “Estraneo alle accuse”

15 Marzo 2019

Riccardo Savona è assolutamente estraneo alla vicenda“. L’avvocato Giuseppe Di Stefano difende il suo assistito Riccardo Savona e parla dell’indagine sulla presunta truffa all’Unione europea che vede sotto inchiesta il deputato regionale di Forza Italia e presidente della commissione Bilancio dell’Ars.

Alcune di queste associazioni condividono i locali dove si trova la segreteria politica di Savona – spiega il legale – ma lui non è mai stato presidente di nessuna di queste associazioni, se è stato commesso un reato ne risponderanno i rappresentanti legali: lui è completamente estraneo“.

Intanto non si sono fatte attendere le reazioni da Palazzo dei Normanni, con il capogruppo del Movimento 5 Stelle a Sala d’Ercole Francesco Cappello che esorta Savona alle dimissioni: “Il presidente della Commissione Bilancio Riccardo Savona – afferma il pentastellato – deve lasciare la carica. La sua presenza al vertice della Commissione più importante dell’Assemblea Regionale Siciliana è assolutamente inopportuna. Dato che Micciché fa le crociate per difendere l’onorabilità di questo Parlamento – conclude –, chieda immediatamente a Savona di onorare l’Ars lasciando questa carica“.

LEGGI ANCHE:

Truffa ai danni dell’Ue, tra gli indagati il deputato regionale Savona

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.