17 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.33

La dichiarazione del governatore siciliano sul programma "realiti"

Insulti a Falcone e Borsellino, l’ira di Musumeci in un video: “Attacchi indegni”

12 Giugno 2019

Guarda il video in alto

«Ormai non ci sorprende più niente. Due giorni fa Rai Due, nel programma ‘Realiti’ ha trasmesso un indegno attacco alla memoria di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Non ce lo aspettiamo in generale da qualsiasi televisione, in particolare dal servizio pubblico. Leggerezza? Distrazione? Abbiamo difficoltà a crederlo». 

Lo dichiara in un video pubblicato su Facebook il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.

«Io credo – continua il governatore – che la Sicilia meriti ben altro spazio sulla Rai. E questo a Roma dovrebbero saperlo. Perché abbiamo tanto da offrire. In termini imprenditoriali, di eccellenza, di beni culturali, di beni monumentali, di beni paesaggistici. Per lo sforzo che tanta, tanta gente in quest’isola sta compiendo per poter risalire la china. Spereremmo tanto che i dirigenti della Rai tenessero conto di questa valanga che sale lentamente per “riabilitare” l’immagine e la reputazione di una Regione che e stata fin troppo trattata male».

«Parlare male di magistrati, di imprenditori, di giornalisti o di uomini in divisa che hanno sacrificato la loro vita sulla trincea della lotta alla mafia – prosegue Musumeci – è davvero inaudito, disarmante, non ci sono giustificazioni. Mi auguro che i dirigenti della Rai sappiano assumere le necessarie e ferme determinazioni perché possa essere cancellata questa vergogna. Non si può assolutamente tollerare che la più importante televisione italiana possa dare spazio, anche per un solo secondo, a chi invece di esaltare il sacrificio di tanta gente pensa di poterlo minimizzare o addirittura oltraggiare. Aspettiamo dalla Rai un segnale serio e concreto»

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.