20 ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 20.23
Il 6 luglio il prossimo incontro

Vertenza Ksm: l’azienda chiede pesanti sacrifici ai lavoratori, ma non garantisce tutti i posti

17 giugno 2017

ksm corteoPesanti deroghe contrattuali per scongiurare i licenziamenti. Non tutti però. L’azienda, infatti, nonostante i sacrifici richiesti, non garantirebbe la totalità dei posti di lavoro. Si tratta di 516 vigilanti e 8 amministrativi. È questa l’ipotesi prospettata da Ksm alle organizzazioni sindacali nel corso di un incontro tenutosi ieri alla presenza dei funzionari del Centro per l’Impiego di Palermo.

Inoltre, Ksm continuerebbe a procedere con i cambi di appalto per cedere le proprie commesse, considerate antieconomiche, ad altri istituti di vigilanza. Un’eventualità che alimenta i dubbi e le perplessità dei sindacati, poiché tali istituti non darebbero garanzie adeguate sia in termini di pagamento degli stipendi sia in termini di stabilità lavorativa.

La proposta ha fatto saltare dalla sedia i rappresentanti dei lavoratori, ma comunque rappresenta pur sempre la base di una trattativa delicata e difficile, che due giorni fa ha visto scendere in piazza i lavoratori. Ad oggi la società di proprietà della famiglia Basile si era limitata esclusivamente a confermare i licenziamenti senza prospettare soluzioni alternative.

I sindacati, ha spiegato Mimma Calabrò, segretario regionale della Fisascat Cisl, si sono riservati di approfondire la proposta con le rsa ed i lavoratori in vista del prossimo appuntamento previsto per il 6 luglio prossimo. In quella data, hanno sottolineato Salvo Leonardi e Stefania Radici della Filcams Cgil, “verificheremo se ci saranno proposte alternative da considerare o se non ci sarà più margine per un accordo”. Quest’ultimo, tuttavia, dovrà essere sottoposto a referendum.

Qualora una parte dei licenziamenti fosse inevitabile, Ksm ha dato la sua disponibilità a garantire incentivi economici all’esodo ed il diritto di prelazione nelle assunzioni delle aziende facenti parte del gruppo e nella sede di appartenenza.

La Uiltucs, ha detto Marianna Flauto, segretario generale in Sicilia, si è detta “disponibile a valutare la proposta a fronte dell’impegno da parte dell’azienda a salvare i lavoratori dal licenziamento offrendo le dovute garanzie e condividendo un piano industriale di risanamento che sia oggetto di verifica e monitoraggio. Qualsiasi accordo dovrà comunque garantire criteri di equità e non discriminazione”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Non mi appassiono
Perché non mi appassiono più alle vicende elettorali? Alla politica? In realtà non ho mai trovato grande trasporto per la materia... in passato mi sono cimentato con successo nelle competizioni, ma anche lì non ho nascosto un certo disagio...
LiberiNobili di Laura Valenti
La medicina è un’arte, non una garanzia
In media, si preferisce andare dal medico per qualunque questione di salute, dall’influenza alla schizofrenia, dalla sclerosi multipla alla sindrome di Tourette. Tuttavia non è una garanzia di cura né è detto che sia la migliore strategia.
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Vecchie e nuove povertà
Un fenomeno che contribuisce notevolmente alla disgregazione sociale e a insinuare un clima di insicurezza, di sfiducia e di rassegnazione.