13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.40
Palermo

Le immagini d'epoca conquistano i palermitani sul web

La Palermo di 105 anni fa, entusiasta per il tram. Ecco il video che spopola sui social [VIDEO e FOTOGALLERY]

10 Agosto 2017
'
'
'
'
'
'
'
'

Un documento straordinario, d’epoca, che mostra la Palermo di una volta, nel giorno dell’inaugurazione della prima rete tranviaria della società italo belga Les Tramways de Palerme, in data 24 giugno 1912.

Immagini suggestive e affascinanti di 105 anni fa, di una Palermo in bianco e nero che si apprestava ad accogliere uno dei mezzi pubblici più moderni dell’epoca. Ecco il video che in soli tre giorni ha totalizzato più di seicento condivisioni su Facebook:

La Palermo del 1912.

Pubblicato da Maurizio Di Michele su Domenica 6 agosto 2017

 

Pubblicato nel gruppo “Tram a Palermo – Attualità e Storia” dall’utente Maurizio Di Michele, il video mostra l’arrivo delle prime vetture in via Roma, accolte da migliaia di palermitani entusiasti e in festa. Un’inaugurazione che fa apparire quella del 2015 quasi “sottotono”.

Uno “sciame” umano di concittadini a bocca aperta invadeva le strade del Centro storico (non ancora sfregiato dalle bombe della guerra) per essere presente in quel giorno speciale. Un giorno che consacrava Palermo come città dal sapore europeo, negli ultimi anni della Belle Èpoque. Da lì a poco, infatti, ci sarebbe stato l’amaro ingresso alle armi del primo conflitto mondiale.

I binari delle vetture solcavano via Roma, e oggi, dopo 105 anni, si lavora per ripristinare proprio quella linea. Senza catenaria, né pali, né barriere.

Ciò che colpisce da questi 7 minuti di immagini in bianco e nero è il costume dell’epoca: praticamente tutti gli uomini portavano il cappello e i baffi. E soprattutto spicca la totale assenza di figure femminili. Segno dei tempi in cui per le donne non vi era ancora equiparazione dei diritti.

Tra le vetture, spiccano anche quelle in “Piazza del Politeama Garibaldi”, trainate dai cavalli; le officine e il deposito in via delle Croci e gli invitati a Villa Gallidoro, sede della società.

 

Paolo Simon, tra i fondatori dell’associazione “Sicilia in Treno”, spiega un po’ della storia della prima rete tranviaria di Palermo: «Nel 1911 il Comune firmò una convenzione con la società belga per costruire ed esercitare linee a trazione elettrica fino a Mondello: tali linee furono inaugurate appunto nel 1912. Nel 1929 le due reti (quella della “belga” e quella della SSTO, Società Sicula Tramways e Omnibus) furono unificate sotto la gestione dell’Unione Trazione Elettrica e Trasporti della Sicilia (UTETS)». 

Fra il 1942 e il 1943, con lo scoppio della II Guerra Mondiale, la città venne colpita dai bombardamenti che distrussero gran parte della rete tranviaria e i depositi. L’esercizio continuò fino al 1946, anno in cui fu definitivamente soppresso e sostituito dalla rete filoviaria e dai bus.

 

TRAM PALERMOQuasi 70 anni dopo, il ritorno del tram a Palermo realizzato dal consorzio Sis, e inaugurato dal sindaco Leoluca Orlando nel 2015. La nuova sfida dell’Amministrazione comunale è riportare i mezzi proprio in pieno Centro, senza barriere né pali, con la tecnologia “catenary free”, wireless (QUI IL PROGETTO)

A breve partirà quindi la cosiddetta “Fase 2”, con la progettazione di 3 nuove linee finanziate dal Patto per il Sud. Da settembre sul portale Concorrimi.it i bandi e le proposte.

La prima fase (idee), in forma anonima, è finalizzata a selezionare le 5 migliori proposte progettuali da ammettere allo step successivo; la seconda fase (concorso di progettazione), anch’essa anonima, per individuare la migliore proposta progettuale tra quelle selezionate nella fase uno.

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.