24 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.56

La necessità di ritrovare un'etica e isolare le mele marce

La politica ritrovi la dignità perduta e cacci i delinquenti e i disonesti | Video editoriale

2 Agosto 2018

Guarda il video editoriale in alto

La mamma dei politici disonesti è sempre incinta. L’ultima inchiesta in ordine di tempo che ha portato ai domiciliari l’ex presidente del Consiglio comunale di Messina non è altro che la punta di un iceberg di una politica malata e corrotta che, in Sicilia come altrove, tarda a tramontare.

Il dato che emerge è che i partiti continuano ad essere inquinati da furbetti e furbastri, che utilizzano la politica come strumento di scasso per rubacchiare qua e là e arricchirsi a scapito dei cittadini e delle istituzioni che dovrebbero onorare con il proprio comportamento. Questo, ovviamente, va al di là della vicenda di Messina (la magistratura accerterà eventuali responsabilità e gli indagati potranno chiarire la loro posizione), ma è un andazzo generalizzato a cui dev’essere posto un termine una volta per tutte.

La politica faccia pulizia al suo interno e selezioni i migliori e non la feccia, come purtroppo è spesso avvenuto fino a oggi. Torni a essere un servizio nei confronti della comunità e del territorio, restituendo dignità a se stessa.  E i cittadini scelgano i migliori, non chi schiaccia un occhiolino pretendendo in cambio indegne controprestazioni.

Guarda il video editoriale in alto

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.