14 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.20

I problemi sollevati dal commercialista Davide Farina

La rottamazione impossibile delle cartelle esattoriali in Sicilia | Video intervista

15 Aprile 2019

Guarda la video intervista in alto

Vorreste usufruire della definizione agevolata delle cartelle esattoriali, la cosiddetta rottamazione, e per questo vi siete rivoti a un commercialista, fiduciosi nell’affidarvi alle sue competenze? Potrebbe non bastare, e non c’entrano le qualità del professionista, ma la tecnologia.

Nell’Isola la rottamazione delle cartelle è affidata a Riscossione Sicilia, che si avvale per questo di un sito internet dedicato a contribuenti e professionisti che, accedendo alla propria area riservata, dovrebbero avere la possibilità di gestire la propria pratica e chiuderla entro il termine prefissato. Ma il condizionale è d’obbligo.

Lo sa bene il commercialista Davide Farina, che ilSicilia.it ha intervistato proprio per capire quali sono i problemi che ci si trova ad affrontare.

Ci approssimiamo alla scadenza del 30 aprile, che è l’ultimo giorno utile per presentare le istanze di rottamazione dei ruoli, e siamo alle prese con diversi problemi col sito di Riscossione Sicilia. Siamo indietro con il caricamento delle deleghe che riceviamo dai clienti. In più – dice ancora Farina – le informazioni che il sito ci fornisce sono davvero poche“.

Diversi i problemi segnalati dal professionista che rischiano di comportare ritardi che renderebbero vani i tentativi di accedere all’opportunità di rottamare le cartelle esattoriali. Tra mancanza di possibilità di stampa della modulistica, cartelle già parzialmente pagate in seguito a rateizzazioni il cui importo residuo non è determinabile con esattezza e termini strettissimi (la possibilità di accedere alla rottamazione scade il 30 aprile), alla fine le difficoltà di utilizzo del sito non sono poche. E così, nel frattempo, si desiste e si preferisce fare la coda negli uffici.

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.