18 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.15
Trapani

le dichiarazioni del presidente di Birgi e del governatore

L’aeroporto di Trapani muore ma Musumeci dà la colpa alle polemiche

13 Aprile 2019

“A giugno metto in liquidazione la società di gestione dell’aeroporto. Senza un piano industriale dei soci, e senza chiarezza sul futuro, devo farlo subito prima di incorrere in passività”. Non ci poteva essere grido d’allarme più chiaro da parte del presidente della società di gestione Airgest, Paolo Angius, che ammette senza mezzi termini il fallimento dello scalo aeroportuale di Trapani Birgi, seppellito dall’ottusità della politica e dalla fuga di Ryanair.

Un aeroporto che, fino a non molto tempo fa, proprio grazie ai voli della compagnia irlandese, registrava circa due milioni di passeggeri l’anno, numero crollato verticalmente, con conseguenze devastanti sull’intera provincia trapanese.

Ma evidentemente, le dichiarazioni di Angius non sono piaciute al presidente della regione siciliana Nello Musumeci, che in modo alquanto piccato, a margine dell’inaugurazione di una mostra a Marsala, taglia corto, “Angius sta andando via” (sono le sue parole), affermando che l’arrivo dei turisti in Sicilia prescinderebbe dalla presenza di uno scalo aeroportuale. “L’aeroporto di Birgi – sostiene Musumeci – vive perché lo vuole la Regione, che ha tirato fuori decine di milioni. Lasciatemi lavorare, smettetela di fare polemiche, quando invece c’è la possibilità di poter creare una grande società Palermo-Birgi. Questo dovete auguravi. Questa è la mia idea e del governo regionale. Se riusciamo a risolvere questo problema, siamo quasi a cavallo. I turisti arrivano. Speriamo di poterne fare un aeroporto capace di vivere in maniera autonoma. Ma non si dica che i turisti arrivano se c’è l’aeroporto, altrimenti ci vorrebbe un aeroporto in ogni città d’Italia”.

Al netto delle dichiarazioni di Musumeci, c’è da aggiungere che in mancanza di un aeroporto funzionante, abbandonato dal maggiore vettore sul mercato, e alla luce (si fa per dire) di collegamenti interni colabrodo (leggasi sistema viario siciliano), non si capisce come debbano arrivare i turisti nei vari territori del Trapanese.

Tutto questo, alla vigilia di una stagione estiva, che per la provincia di Trapani definire compromessa risulta come un eccesso di ottimismo.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.