23 agosto 2017 - Ultimo aggiornamento alle 17.35
Palermo Lo scopo è valorizzare i monumenti del Patrimonio Mondiale dell'Umanità Unesco

“Light in Brancaccio”, concorso per giovani videomaker. Obiettivo: dare luce ai monumenti Unesco

2 maggio 2017

Pennellate di luce su Brancaccio: un concorso di video mapping per accendere i riflettori sul patrimonio arabo-normanno in un quartiere difficile, che sta scommettendo sulla sua rinascita. Si chiama “Light in Brancaccio” il progetto lanciato dall’Associazione Baccanica, insieme al Centro di Accoglienza Padre Nostro, al Circolo ACLI “Padre Pino Puglisi” e Seven Comunication per selezionare 20 videomaker sotto i 35 anni, che il 9 settembre “ridipingeranno” con luci e colori i monumenti simbolo del quartiere.

Ponte dell'Ammiraglio
Ponte dell’Ammiraglio

Il Castello di Maredolce, il Ponte dell’Ammiraglio, la chiesa di San Gaetano e il Mulino di San Filippo si trasformeranno in gigantesche pareti sulle quali proiettare le installazioni, vere e proprie full immersion sensoriali. Una maniera di raccontare fuori dagli schemi e in chiave artistica un quartiere che ha una ricchezza architettonica poco conosciuta, ma che di recente ha ottenuto il “sigillo” dell’Unesco come Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Lo start al progetto è iniziato dalla mezzanotte dell’uno maggio quando sul sito www.lib2017.it è stato pubblicato il bando per selezionare i venti artisti. L’invito è rivolto a videomaker sotto i 35 anni che abbiano voglia di immaginare come valorizzare i monumenti arabo-normanni, facendo convivere la tecnologia più avanzata e la tradizione architettonica del passato. C’è tempo fino al 6 giugno per presentare i progetti di video mapping, che saranno valutati da una commissione di esperti, che vede coinvolti anche dodici laureandi della Facoltà di Architettura di Palermo, per creare sinergie e scambi culturali tra giovani.

A settembre i progetti selezionati saranno “installati” sui monumenti e votati attraverso una web app a disposizione del pubblico, che sceglierà le 4 performance vincitrici.

di

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Il caldo, non esiste
Carissimi, Fa caldo? No, trattasi di una vostra impressione. Ho sentito di notte nel silenzio “guaire” i condizionatori e sentirmi provocare nei messaggi sul telefonino con la richiesta: “che tempo fa lì?” Come che tempo fa?
Il futuro possibile! di Cleo Li Calzi
… Magari resto al Sud
E' una scelta che investe su chi vuol fare impresa scommettendo sulle proprie radici e rivendicando con orgoglio di essere nato nel luogo più bello del mondo. La risposta giusta all’inno siciliano alla rassegnazione “cu nesci arrinesci”
Il cielo di Paz di Mari Albanese
Amami o bannami
Come Ofelia mi aggiro attorno agli argini inconsueti della follia. Non io, ma le tante lei e i tanti lui che sperano di trovare la felicità in quel mondo finto del web che hanno preconfezionato per noi. Dove è bandita l’umanità vera, l’intelligenza emotiva che presuppone l’empatia, quella capacità straordinaria di comprendere l’altro e di amarlo.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Autorità portuale e risorgimento messinese
Ha ragione da vendere il quotidiano cittadino, che ieri titolava "Sui porti si consuma il delitto più grave" a proposito dello scellerato accorpamento che condurrà i porti messinesi sotto l'egida di Gioia Tauro.