13 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.33

Ultimi giorni prima della ripresa all'Ars

La politica siciliana torna dalle vacanze con una valigia piena di problemi

30 Agosto 2018

L’estate “soft”della politica siciliana ha detto più cose nei suoi silenzi, in alcuni casi assordanti, che nelle sue chiacchiere da ombrellone con tanto di spazio anche agli ombrelli da pioggia, ribadendo che l’avvio, sin dalla prima settimana di settembre, non promette molto di buono sia in termini di produttività parlamentare all’Ars, sia in termini di cambio di passo immediato per quanto riguarda i principali problemi e le emergenze della Sicilia in panne.

Cominciamo da ciò che appare più evidente. Il centrodestra nell’Isola deve fare i conti con la leadership emergente di Salvini e del suo partito in crescita che rischia di fagocitare i partiti più piccoli della coalizione.

Non è un caso che prima il capogruppo di #Diventerabellissima Alessandro Aricò e poi il senatore eletto con FdI Raffaele Stancanelli hanno marcato, negli ultimi giorni, lunghe e ampie precisazioni sul fatto che all’Ars non nascerà con gli uomini della destra storica e di quella laica e di movimento, il gruppo parlamentare del Carroccio che continua ugualmente a mulinare consensi e a cercare formule alternative di reclutamento.

Per Aricò niente fusione a freddo con la Lega con l’esigenza implicita di dover ricavare comunque un ambito comune al cui interno far maturare un percorso che, elettorale o politico che debba essere, non può assumere la formula riduttiva di una semplice annessione di forze parlamentari e presenze nelle province, seppur da parte di un partito emergente, quello di Matteo Salvini, che veleggia col vento in poppa: “Al momento il nostro gruppo di 6 componenti all’Ars va benissimo così. Non siamo interessati a campagne acquisti, lavoriamo bene e reggiamo  credo con profitto la fisionomia che gli elettori ci hanno ritagliato addosso”.

Per quanto riguarda invece le leggi che il parlamento siciliano proverà a imbastire alla ripresa, molto dipenderà, in continuità con le premesse appena esposte, da come potrà cambiare, se cambierà a breve, la geografia parlamentare dei gruppi di maggioranza.

Non è un caso che alcuni disegni di legge siano sottoposti a una “marcatura” più rigida nel caso della legge sull’abolizione del voto di genere, proposta dal capogruppo di Fi Giuseppe Milazzo e che, dopo aver spaccato in due la commissione Affari istituzionali, attende, alla ripresa, di conoscere il suo destino.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.