15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.57
Palermo

ACCOGLIENZA A PALERMO

L’ultima trovata del sindaco Orlando: “Eliminare la parola migranti”

4 Giugno 2019

«È molto importante eliminare la parola “migranti”, considerando i migranti delle persone che sentono il diritto di vivere in luogo diverso da quello in cui sono nati. Come i nostri figli o i nostri nonni che hanno deciso di andare a vivere in un altro paese chiedendo di essere considerate persone umane. Io sono persona, noi siamo comunità: è questo quello che serve per accogliere nel migliore dei modi i campionati di scherma. Persona dal latino significa maschera e sulla pedana siamo tutti uguali, abbiamo tutti la stessa maschera. Questo è un messaggio importante per chi pensa di dividere le persone in base alla religione, alla lingua o al colore della pelle».

Lo ha dichiarato il sindaco di Palermo Leoluca Orlando nel corso del convegno “La scherma come strumento di integrazione dei popoli del Mediterraneo” in corso a Palazzo Mazzarino nel capoluogo siciliano, nell’ambito dei festeggiamenti dei 110 anni della Fis in occasione dell’edizione numero 100 degli Assoluti di scherma.

Orlando ancora una volta critica la linea del governo nazionale e, in particolare, le politiche del ministro dell’interno Matteo Salvini. Nei mesi scorsi l’iscrizione all’ufficio anagrafe dei richiedenti asilo e stranieri, sfidando il divieto imposto dal decreto sicurezza voluto dal leader della Lega.

Il primo cittadino palermitano ha poi proseguito parlando dell’incontro avuto con il vescovo capo della chiesa evangelica tedesca Heinrich Bedford: «Vengo dalla festa della rottura del digiuno del Ramadan, dove con i musulmani siamo stati a riflettere e pregare. Con me c’era anche il rappresentante della chiesa cattolica protestante. Ieri ho anche ricevuto il vescovo capo della chiesa evangelica tedesca Bedford, che è voluto venire a Palermo per dare la sua solidarietà, per rivolgere con me un appello all’Europa, che non sia soltanto l’Europa delle banche».

 

LEGGI ANCHE:

Ramadan: gli auguri del sindaco Orlando a tutti i musulmani

Sicurezza, Orlando: “Firmerò io le iscrizioni all’anagrafe”

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.