22 febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 09.52

Mafia, blitz all’alba contro il clan di Resuttana-San Lorenzo. 25 arresti [Video]

5 dicembre 2017

Operazione antimafia stamattina all’alba a Palermo. I carabinieri hanno eseguito un blitz nell’area di San Lorenzo e Resuttana, smantellando il clan che deteneva il potere in quest’area del capoluogo siciliano.

Le manette sono scattate nei confronti di 25 persone, ritenute a vario titolo responsabili di associazione mafiosa, estorsione consumata e tentata.

L’operazione Talea (questo il nome) è stata condotta da oltre 200 Carabinieri di Palermo, con l’ausilio di 2 elicotteri del 9° Elinucleo di Boccadifalco, da 5 unità cinofile del Nucleo di Palermo Villagrazia, da militari del 12° Reggimento Carabinieri Sicilia e dello Squadrone Carabinieri Eliportato “Cacciatori Sicilia”.

Fra gli arrestati c’è anche Mariangela Di Trapani, moglie del capomafia Salvino Madonia. L’accusa per lei è di essere stata a capo del clan mafioso, per riorganizzarne le file dopo essere uscita dal carcere nel settembre di due anni fa.

Il blitz è scattato su ordine del gip Fabrizio La Cascia che ha accolto la richiesta del procuratore aggiunto Salvatore De Luca e dei sostituti Roberto Tartaglia, Annamaria Picozzi e Amelia Luise.

L’indagine ha permesso di ricostruire gli assetti e le dinamiche criminali delle famiglie mafiose di San Lorenzo, Partanna Mondello, Tommaso Natale e Pallavicino/Zen, tutte ritenute appartenenti al mandamento di San Lorenzo e della famiglia mafiosa di Resuttana e ha confermato la riconducibilità del mandamento di Resuttana alla famiglia Madonia.

“Cosa nostra – sottolineano gli investigatori -, per quanto depotenziata dai risultati investigativi e giudiziari, dimostra ancora la sua perdurante capacita’ di avvalersi della forza di intimidazione e del vincolo associativo per costringere i commercianti ad accettare l’imposizione del pizzo”.

Tag:
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Ricordo di Bettino Craxi
L’anniversario della scomparsa di Bettino Craxi, avvenuto la scorsa settimana, non ha avuto alcun momento significativo nel ricordare una personalità rilevante che, senza nascondere errori e contraddizioni, fu protagonista importante dell’ultima fase di quella che viene definita comunemente la Prima Repubblica, segnata, peraltro, da avvenimenti drammatici.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...