13 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.39
Agrigento

PROSEGUE L'INCHIESTA DELLA DDA

Mafia, continua l’operazione “Halycon”: coinvolte altre due persone nell’Agrigentino

13 Agosto 2019

Continua ad espandersi l’inchiesta antimafia “Halycon”, che lo scorso 31 luglio ha fatto scattare, ad opera del Ros, il fermo di 7 persone.

I carabinieri hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti di Antonino Cusumano, residente a Licata (Ag), ritenuto responsabile di favoreggiamento aggravato dall’avere agevolato l’associazione mafiosa.

Per la stessa ipotesi di reato, invece è stata disposta la misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per un secondo indagato, di cui non sono ancora note le generalità. I due, assieme ad un terzo soggetto, sono stati sottoposti a perquisizione domiciliare.

E proprio a loro, nelle ultime ore, i carabinieri hanno notificato le ordinanze di custodia cautelare, firmate dal gip del tribunale di Palermo.

Le sette persone che vennero fermate lo scorso 31 luglio erano indagate, a vario titolo, per associazione mafiosa e concorso esterno in associazione mafiosa. Al centro delle indagini dei carabinieri – coordinate dal procuratore della Dda Francesco Lo Voi, dall’aggiunto Paolo Guido e dai sostituti Claudio Camilleri, Calogero Ferrara e Alessia Sinatra – la famiglia mafiosa di Licata, autorevole punto di riferimento sul territorio di Cosa Nostra, e Giovanni Lauria ritenuto “promotore e organizzatore”.

I carabinieri del Ros e quelli del comando provinciale di Agrigento, lo scorso 31 luglio, hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto Giovanni Lauria, 79 anni, inteso “il professore”; il figlio Vito di 49 anni; Angelo Lauria di 45 anni, Giacomo Casa di 63 anni; Giovanni Mugnos di 53 anni, Raimondo Semprevivo di 47 anni e Lucio Lustri di 60 anni.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.