16 gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 12.33
Palermo Gestivano prostituzione e droga

Mafia nigeriana a Ballarò, sgominata una banda della “Black Axe”

14 novembre 2017

Il gip del Tribunale di Palermo ha rinviato a giudizio cinque nigeriani per associazione mafiosa. E’ la prima volta che viene contestato il 416 bis ad una organizzazione straniera. Altri 14 imputati, invece, saranno processati con il rito abbreviato e il processo comincerà il 9 gennaio. La banda si riuniva nel quartiere Ballarò di Palermo.

Tra le accuse contestate agli imputati c’e’ anche lo sfruttamento della prostituzione e il traffico di droga. Il procedimento nasce da un’indagine della Procura di Palermo nei confronti di un’organizzazione transnazionale, con base in Nigeria, denominata Black Axe“, ovvero “ascia nera“, una sorta di mafia nigeriana.

Alessandro PaganoIl deputato della Lega-Noi con Salvini Alessandro Pagano commenta: “Grazie alle porte aperte del Pd e della sinistra siamo riusciti a importare pure la terribile mafia nigeriana. Per la prima volta infatti viene riconosciuta a una organizzazione straniera il reato di associazione mafiosa. Tutto ciò è avvenuto a Palermo. Un plauso ai giudici, che hanno evitato la beffa della scarcerazione di questa banda di spietati criminali. È chiaro che in questo contesto altro che Ius soli, insistere su questo tema come fa il Pd di Renzi è un suicidio per il nostro Paese. Si trasmette un messaggio devastante, un invito a nozze per migliaia di delinquenti attirati, anche impropriamente, dall’idea della cittadinanza facile”. 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Il Mercatino delle Idee Usate
Ho curiosità di vedere i nomi dei grandi statisti inseriti nei collegi bloccati. Quali sono queste persone d’indubbio spessore, contenuto e alta moralità di cui la patria non saprebbe fare a meno? Spiegatemi perché in questo paese dove non esiste la meritocrazia e perché dobbiamo essere sempre o “sudditi” o “tifosi”, ma mai “protagonisti”?
Blog di Rosario Gianni Leone
Liceo in quattro anni: i pro e i contro della sperimentazione
Lo scorso 29 dicembre, suscitando molte meno polemiche rispetto al momento della approvazione ministeriale dello scorso agosto, il Ministero dell'Istruzione ha pubblicato l'elenco delle scuole di II grado ammesse alla sperimentazione del liceo con un corso di soli quattro anni.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...