17 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.10
Messina

botta e riposta sui dolci della famiglia Chemi

Mafiosi al pistacchio a Taormina: Bronte s’indigna, il mago dei cannoli respinge le accuse

25 Agosto 2019

E’ botta e risposta sui mafiosi al pistacchio, i dolci della discordia di “Roberto“, storica pasticceria di Taormina che in questi giorni è finita al centro di una rovente polemica per i nomi delle proprie specialità.

La questione è ormai nota e a scatenare il gran fermento sono stati “I mafiosi al pistacchio”, ricoperti da mandorle intere all’esterno e all’interno con un cuore di pura pasta di pistacchio, e poi i “Cosa nostra alle mandorle”, altro appellativo riservato ad alcuni dolcetti tipici della tradizione siciliana.

Da qui lo scontro tra chi ritiene che si tratti di un espediente per attirare l’attenzione di turisti e clienti e la replica della famiglia Chemi, proprietaria della pasticceria che respinge le accuse di speculazione e rimarca l’esistenza di quei dolci con quei nomi già da 30 anni.

Adesso nella vicenda di questi discussi prodotti di pasticceria, per altro recensiti anche nei siti e nelle guide specializzate di tutto il mondo, è entrato in scena il Comune di Bronte, che attraverso le parole del sindaco Calanna si è detto “indignato e chiede che vengano rimossi quei nomi dai dolci del “mago dei cannoli”.

Graziano Calanna

“La mafia ha detto il sindaco di Bronte, Graziano Calanna non può essere un brand, né tanto meno il nome di un prodotto tipico o di un dolce. Tutta Bronte condanna l’idea del pasticcere taorminese di chiamare dei dolci in vendita in quel modo. Il pistacchio e le mandorle sono prodotti tipici di eccellenza della nostra terra, frutto del sudore e della fatica di tanti uomini onesti che, con il loro agire quotidiano, combattono e si pongono in netto contrasto con la mafia. Bronte condanna non solo l’accostamento, sicuramente poco appropriato, di cattivo gusto e penalizzante per l’immagine del pistacchio e della mandorla, ma condanna in generale l’utilizzo della mafia come brand per tentare di ricavare dai turisti qualche soldino in più». Calanna ha poi “ringraziato” il sindaco di Taormina, Mario Bolognari, “per essere intervenuto duramente”.

“Mi auguro che riesca a convincere il pasticcere della sua comunità che in Sicilia vi sono altri brand, di sicuro valore, su cui vale la pena puntare per valorizzare i propri prodotti”, ha aggiunto il primo cittadino di Bronte.

Bronte s’indigna, e la pasticceria di Taormina replica: “Le parole del sindaco di Bronte? Dispiace – afferma Erika, figlia di Roberto Chemi– che non abbia forse letto le nostre dichiarazioni e i nostri puntuali e precisi chiarimenti. La comunità di Bronte, che noi rispettiamo, non ha motivo di insorgere. Non abbiamo fatto un torto a nessuno e non abbiamo mai voluto offendere nessuno. Siamo persone perbene e non è corretto dire che noi abbiamo messo quei nomi “solo per ricavare qualche soldino”. E’ un’accusa che respingiamo, ricordando ancora una volta che i mafiosi al pistacchio non sono appellativi recenti ma parliamo di dolci che esistono da 30 anni e sui quali nessuno si è mai scandalizzato, quindi non c’è motivo per farlo nemmeno adesso”.

le specialità del mago dei cannoli

“I mafiosi al pistacchio sono stati mangiati e apprezzati anche i Capi Stato come Bill Clinton, il Re di Spagna e la Regina di Inghilterra. Siamo siciliani onesti e non abbiamo mai voluto speculare in nessun modo. Noi siamo contro la mafia, senza se e senza ma”, tiene a ribadire la famiglia Chemi.

E sulla possibilità che possa essere direttamente il Comune a chiedere che vengano rimossi i nomi, la famiglia Chemi si è espressa così: “In questi giorni – conclude la famiglia Chemi – abbiamo avuto tanta solidarietà soprattutto da parte dei nostri concittadini e di tanti commercianti ed operatori economici. Avremmo fatto molto volentieri a meno di tutto questo clamore, anche perché ci conoscono e ci apprezzano nel mondo e non abbiamo mai cercato questa pubblicità. Se il Comune di Taormina dovesse chiederci di rimuovere quei nomi, allora vorrà dire che l’eventuale ordinanza di divieto dovrà valere per tutti, visto che a Taormina come in diversi altri posti, c’è di tutto, dal cibo all’oggettistica, sino ai tour turistici, che porta questi nomi. Noi lo abbiamo fatto senza voler mancare di rispetto a nessuno, per esorcizzare con la bontà dei nostri dolci la negatività assoluta e indiscussa del fenomeno mafioso. Vedremo se ci saranno ulteriori sviluppi, noi siamo sereni e in pace con la nostra coscienza. Se poi ci sarà un divieto, o varrà per tutti o per nessuno”.

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.