19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.58
Palermo

Venerdì 15 marzo

Malattie sessualmente trasmesse: a Palermo una giornata di studi

14 Marzo 2019

La contraccezione e le malattie sessualmente trasmesse” è il tema della giornata di studi in programma per domani a Villa Zito, in via Libertà 53 a Palermo. I lavori si apriranno alle 9,30 con gli interventi di Luigi Triolo, presidente di Aiop Palermo, e di Salvatore Amato, presidente dell’Ordine dei medici della provincia di Palermo e saranno conclusi nel pomeriggio dal professore Ettore Cittadini, padre della fecondazione assistita e presidente della fondazione di ricerca e studi ginecologici “Eva Candela”, che ha organizzato la giornata di studi insieme con il Centro di biologia della riproduzione umana, l’Ordine dei medici e l’Aiop Sicilia.

In Sicilia le malattie sessualmente trasmesse sono in aumento. “In base ai dati raccolti dalla Regione, nel solo 2018 si sono registrati 68 nuovi casi di sifilide – si legge nella nota – Allarmanti i dati sull’Hiv, l’infezione che provoca l’Aids: i casi registrati sono 3.341. Preoccupa la tendenza che mostra un abbassamento dell’eta’ in cui si contrae il virus“.

La malattia colpisce soprattutto gli uomini (78% dei casi), l’età della diagnosi è più frequente fra i 30 e i 39 anni. Anche se c’è un 18,6% di persone che è rimasta infettata fra i 20 e i 29 anni e perfino una quota che ha contratto il virus avendo fra i 15 e i 19 anni. Cresce il numero di chi si infetta con un rapporto sessuale e si dimezza il numero di chi entra in contatto col virus per motivi legati alla tossicodipendenza (prima erano l’80% dei casi, oggi sono il 51%). Gli studi rilevano anche l’aumento di casi di malattie e virus meno aggressivi ma ugualmente pericolosi: epatiti, Hpv, candida” conclude la nota.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.