15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.17
Ragusa

Beccata dalle telecamere nascoste

Maltrattamenti in asilo nido di Ragusa, arrestata maestra

15 Giugno 2019

Un’insegnante di un asilo nido, che accoglie bambini da pochi mesi a tre anni, è stata arrestata e posta ai domiciliari dai carabinieri di Ragusa per maltrattamenti a minorenni in un’istituto di istruzione.

Le indagini sono state coordinate dal sostituto procuratore Riccio che, assieme a ufficiali dell’Arma, ha tenuto una conferenza stampa al comando provinciale del capoluogo Ibleo.

Il GIP fa riferimento a 7 episodi, i più gravi, tra quelli videoripresi ed intercettati con telecamere nascoste: la maestra che strattona questo o quell’altro bambino, che li blocca per imboccarli e che li schiaffeggia.

In particolare su tre bambini, ma alla presenza di tutti gli altri piccoli del nido. Schiaffi ai bambini più piccoli di tre anni che venivamo imboccati con la forza anche quando non volevano mangiare. Quando i militari si sono recati a casa per notificarle l’arresto le sue prime parole sono state: “Ma io voglio bene ai bambini”. Le immagini delle telecamere testimonierebbero invece il contrario.

L’indagine è partita dalla denuncia della madre di una bambina che vedeva la figlia avere dei comportamenti strani ed affermare che la maestra fosse “cattiva”. I militari dell’Arma hanno quindi raccolto i gravi indizi di colpevolezza nei confronti della maestra.

La donna, 56enne, ragusana è incensurata ed è stata sottoposta agli arresti domiciliari.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.