15 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.58
Palermo

Più volte hanno chiesto incontro al sindaco e all'assessore

Messa in sicurezza del Mercato ittico di Palermo: dopo un mese i lavoratori senza alcuna risposta dall’Amministrazione

15 Maggio 2019

A oltre un mese dalla chiusura momentanea del Mercato Ittico e dopo la messa in sicurezza delle pensiline, gli operatori del mercato preoccupati per la gestione delle attività lavorative dopo varie richieste di incontro col sindaco di Palermo, Leoluca Orlando e con l’assessore alle attività produttive Leopoldo Piampiano per le quali attendono ancora riscontro, si trovano ancora oggi nella situazione di avere mezzo mercato inagibile e nessuna rassicurazione per il prosieguo della loro attività.

Si ricorda che da dichiarazioni giunte da organi di stampa in aprile l’assessore Piampiano metteva in evidenza la circostanza secondo la quale era già stata data in appalto una gara per la ristrutturazione del Mercato e che a pochi giorni dall’accaduto si sarebbe dovuti già partire con i relativi lavori“.

Oltre al danno dunque, l’Associazione Commissionari Mercato Ittico, sottolinea la beffa di non essere stati invitati alla riunione tenutasi al mercato ortofrutticolo lunedì 13 maggio nel corso della quale si presentava il nuovo Regolamento Unico dei Mercati.

A nulla può valere – continua al nota dell’Associazione Commissionari Mercato Ittico – la presenza di Confcommercio tramite la sua presidente Patrizia Di Dio, in quanto la materia trattata, frutto del lavoro di anni degli operatori del mercato ittico avrebbe obbligato gli organizzatori al coinvolgimento di tutti i soggetti coinvolti. A maggior ragione che alla riunione partecipavano tutti i vertici interessati, dal sindaco agli operatori del settore, con la scientifica esclusione degli imprenditori del mercato ittico. Inoltre, ad oggi l’associazione non conosce il nuovo R.U.M.G. (Regolamento Unico Mercato Generale). Per questo motivo l’associazione ha dato mandato ai propri legali di diffidare chi di competenza dalla applicazione di un regolamento che ad oggi si disconosce e si riserva inoltre di valutare una richiesta congrua di risarcimento del danno già patito e del danno che si profila dal non avere ad oggi una soluzione definitiva rispetto alle doglianze già esplicitate“.

E quasi superfluo, sottolineare che il Mercato Ittico ha una funzione sociale e commerciale di fondamentale importanza con particolare riferimento alla legalità, alla sicurezza ed alla tracciabilità del pescato che tutti i giorni finisce sulle tavole dei palermitani e non solo”  aggiungono.

L’Amministrazione comunale, che a parole è sempre presente quando si tratta di difendere la giusta applicazione della legge, nei fatti si sta dimostrando sorda al grido di dolore che dal mercato ittico proviene tenendo anche conto che a patire questo stato di cose è un indotto che occupa ad oggi migliaia di persone” concludono dall’associazione.

“Ci sentiamo abbandonati da questa Amministrazione comunale e soprattutto dal sindaco Orlando che in venti anni di carica non è riuscito ad ottenere l’autorizzazione sanitaria, numero Cee, che ancora oggi è provvisorio in proroga dal 1997” afferma Filippo Calcagno, presidente dell’associazione dei commissionati e grossisti prodotti ittici di Palermo che aggiunge –  “La manutenzione del mercato è compito del Comune e noi operatori siamo sempre intervenuti  nelle piccole riparazioni. Ho personalmente per anni collaborato con i vari direttori a partire da Verona e con le varie commissioni per giungere alla compilazione del R.U.M.G e mai mi sarei aspettato di essere estromesso dalla sua presentazione” .

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.