16 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.01

l'iter verso la svolta

Messa in sicurezza di Capo Alì: pronto il progetto di fattibilità

18 Settembre 2019

Si stringono i tempi per la messa in sicurezza della SS114 nel tratto di Capo Alì interessato a ripetizione da eventi franosi nel corso degli anni.

Il progetto di fattibilità tecnico-economica è pronto: è quanto emerso nel corso di un vertice svoltosi a Palermo, presso il Commissario di governo per il dissesto idrogeologico, tra Anas e i sindaci della zona. Su iniziativa della parlamentare siciliana Urania Papatheu si sono trovati a confronto l’ingegnere Valerio Mele (Coordinatore Territoriale Anas Sicilia), ingegnere Cristiano Fogliano (Capo Centro Anas Messina), Nino Melato (vicesindaco di Alì Terme) e Antonino Crisafulli (sindaco Itala) e Antonino Moschella (sindaco Scaletta Zanclea).

Anas ci ha illustrato il progetto predisposto per la messa in sicurezza dell’area, che è stato redatto comprendendo tutte le criticità della SS114evidenzia Melato -. Per quanto riguarda Ali Terme è stata prevista una galleria paramassi di 400-500 metri e la rimanente parte verrà protetta tramite reti corticali. In questo caso si parla di un’opera per un costo tra i e 15 e 18 milioni. Al momento parliamo di un progetto di fattibilità tenendo conto che quello definitivo potrebbe poi modificare i costi dell’intervento. Su Scaletta sono state previste 3 gallerie nel contesto di un progetto da 13 milioni di euro”.

“Questa riunione – afferma la Papatheu – segna un ulteriore passo in avanti verso la necessaria messa in sicurezza del costone di Capo Alì, un’emergenza che va risolta una volta per tutte a salvaguardia della pubblica incolumità. Per questo ho voluto un ulteriore confronto, per accelerare il completamento dell’iter. Agire in sinergia, come sta avvenendo in questo caso, è essenziale per affrontare in modo incisivo l’emergenza SS114, che minaccia l’incolumità degli automobilisti e ha creato pericoli e disagi per i cittadini”.

Nel corso della riunione si è stabilito che Anas darà ora incarico per la realizzazione del progetto definitivo ed intende procedere tramite accordi-quadro, il che potrebbe velocizzare la procedura. “Disporremo del progetto tra due settimane – aggiunge Melato – e nel frattempo attendiamo conferma di questa opportunità di inserire la progettazione in un ambito di accordo quadro che è fondamentale per accorciare i tempi. A quel punto, nel 2020, da qui a un anno circa, si potrà andare in conferenza dei servizi presso il Commissario per il dissesto idrogeologico”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.