19 Aprile 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.33
Messina

si rischia di non poter ripartire

Messina. Eolie: centinaia di turisti bloccati, venti a 50 km/h e mare forza 6

1 Aprile 2018

Dire che sono isolate sarebbe una tautologia ma il concetto non cambia. Le Eolie sono irraggiungibili per il forte vento che, da ieri, imperversa in quasi tutta la Sicilia. Sono stati in molti che, a dispetto delle previsioni meteorologiche, hanno sfidato la fortuna sbarcando in alcune tra le mete più ambite per il lungo ponte di Pasqua, che in queste ore stanno rischiando di non poter ripartire.

Barche, aliscafi e traghetti sono bloccati nei porticcioli. Fortissime raffiche stanno sferzando le banchine mentre i turisti cercano riparo dappertutto. Molti imbarcaderi sono stati liberati dalle barche a causa del mare agitato.

Le folate, che hanno raggiunto anche i 50 chilometri orari, arrivano da ovest-nord-ovest. Nonostante le previsioni meteo non favorevoli già da ieri, molti gitanti si sono messi in viaggio ma ora il rischio è di rimanere bloccati. Panarea e Filicudi, invece, sembrano essere state risparmiate dal maltempo.

Dopo una battuta di arresto, le imbarcazioni che collegano Milazzo ai porti maggiori hanno ripreso a funzionare ma a singhiozzo.

Tanti i disagi subiti da pendolari e turisti, in gran parte anche stranieri. A quanto pare, l’isola più colpita dal clima sfavorevole è Stromboli: qui è rimasta bloccata anche una nave carica di alimenti e molti gitanti, in queste ore, non sanno ancora se potranno fare ritorno. Diverse le navi rimaste in rada senza possibilità di attracco.

È probabile che si tratti di una situazione che si sarebbe potuta evitare se le biglietterie delle varie compagnie, avvisate preventivamente delle condizioni meteo, avessero interrotto la vendita dei biglietti, come accade di frequente in questi casi.

 

 

 

 

 

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Effetto e Conseguenza

La gente si lascia trascinare nelle polemiche guardando l’effetto che si ha davanti agli occhi e non le cause che lo hanno prodotto, ossia le conseguenze che ci hanno portato a ciò. Penso al caso del campo nomadi...