16 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.20
Messina

Per il sindaco la situazione è preoccupante

Messina: Ponti e viadotti a rischio, indagini su 8 strutture

24 Agosto 2018

Dopo il crollo del Ponte Morandi a Genova si accendono anche su Messina i riflettori su ponti, viadotti e strutture considerabili a rischio nel territorio peloritano. Per questo il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha riunito nelle scorse ore i vertici e dirigenti di Cas, Anas, Dipartimento regionale trasporti e i sindaci.

E per quanto concerne la Città Metropolitana di Messina, sia per il Comune di Messina che per i Comuni della provincia, il sindaco Cateno De Luca ha esposto una situazione ad alto rischio. “La Città Metropolitana di Messina gestisce circa 3 mila km di rete stradale con circa 150 ponti e viadotti -ha spiegato- Ed 8 di questi richiedono immediate indagini geognostiche: Sinagra centro – SP 115 ponte Gurnazzo – SP 115 ponte Nuovo – SP Tripi ponte San Cono – SP 35 Pezzolo – SP 155 ponte Tre archi – SP 15 Roccafiorita – attraversamento del Mela”. Per questo l’Amministrazione messinese ha chiesto al Cas di effettuare immediate indagini su alcuni viadotti che danno da tempo segnali di ammaloramento con la caduta di calcinacci e che potrebbero rappresentare un motivo di pericolo per la sicurezza e la pubblica incolumità dei cittadini.

La situazione si delineerà con esattezza da qui ai prossimi 60 giorni, quando l’Anas andrà ad effettuare i necessari accertamenti su tutti i ponti e i viadotti dell’isola, come richiesto dal Governatore Musumeci. Una indagine che si estenderà a 120 giorni per le strutture più complesse, di maggiore portata. Il sindaco di Messina ha proposto di adottare le procedure di Protezione civile nelle attività di monitoraggio al fine di scongiurare ritardi e tempi più lenti nell’espletamento delle operazioni di accertamento sullo stato delle strutture che verranno prese in esame.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.