24 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.17

il post su Facebook

Miccichè vs Candiani: “Ammazzare i leghisti? Lui non capisce l’ironia di noi siciliani”

4 Giugno 2019

Non è passata inosservata l’intervista che il commissario regionale della Lega Stefano Candiani ha rilasciato oggi ai microfoni de ilSicilia.it.

Il presidente dell’Ars e commissario di Forza Italia in Sicilia, Gianfranco Miccichè, con un post su Facebook commenta così le dichiarazioni rese da Candiani: «Onorevole Stefano Candiani, comprendo il tuo disagio: non sei siciliano e stenti a capire persino l’ironia di noi meridionali. I siciliani sono sarcastici nell’animo, nati sotto il segno dell’iperbole e del paradosso. Così come allo stadio, di fronte ad un gol facilissimo sbagliato, urliamo al giocatore “t’avissuru ammazzari”, con la stessa espressione, nella vita di tutti i giorni, ci rivolgiamo a chi commette un errore grossolano.

Onorevole Candiani – conclude Miccichè – stai tranquillo, qui al Sud nessuno attenta realmente alla vita dei leghisti. Semmai sono i tuoi colleghi leghisti che, come Manzato a Favignana, dimostrano coi fatti di attentare quotidianamente alla vita di noi meridionali».

 

LEGGI ANCHE:

Candiani (Lega): “Musumeci paga il prezzo di un presidente Ars come Miccichè” | VIDEO INTERVISTA

IL POST SU FACEBOOK DI MICCICHÈ:

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.