14 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.12
Palermo

dopo la direttiva del viminale

Migranti, “Orlando show”: “Salvini eversivo, disobbedirò anche al prefetto”

18 Aprile 2019

“Qualora la prefetta di Palermo si dovesse adeguare alla direttiva del ministro dell’Interno adirò al Tribunale amministrativo sulle cosiddette zone rosse. Questo è un segno dell’involuzione politica di questo ministro, si parla di caccia ai balordi, mi chiedo qual è l’espressione giuridica“. Così il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, durante la conferenza stampa del 18 aprile a Palazzo delle Aquile. L’argomento, le posizioni del Viminale su migranti e “zone rosse”. Si tratta di una direttiva che assegnerebbe ai prefetti dei poteri straordinari per garantire la sicurezza nelle città.

“Siamo in presenza di un disegno eversivo del ministro dell’Interno. Presenterò un esposto alla Corte di giustizia dell’Aja per violazione dei diritti umani; l’avevo presentato un anno e mezzo fa, lo rifarò arricchendolo di nuovi elementi”. Orlando, era insieme alla portavoce e ai legali di Mare Jonio che hanno raccolto in un audio-video le comunicazioni intercorse tra la Guardia Costiera italiana e quella libica il 18 marzo scorso.

“Continuerò a denunciare sistematicamente il comportamento eversivo del ministro dell’Interno che continua con questo suo comportamento di stravolgimento delle sue competenze ignorando da una parte le competenze dei militari dall’altra le competenze dei sindaci”.

“Quello che abbiamo visto è la conferma non di un genocidio ma di un genocidio volontario determinato dal comportamento del ministro dell’Interno. Abbiamo assistito allo stato confusionale di chi dovrebbe coordinare i soccorsi a mare”, ha aggiunto Orlando, dopo aver mostrato il video che attesta le comunicazioni intercorse tra la guardia costiera italiana e quella libica prima del soccorso a mare dei 55 migranti del 18 marzo scorso da parte di Mare Ionio.

“Dopo avere esautorato i militari”, il riferimento è alla Guardia costiera italiana, “il ministro ha pensato di esautorare i sindaci. Io farò la mia parte istituzionale, continuerò a rilasciare le residenze anagrafe. Di fronte a questi comportamenti, che se non sono criminali sono criminogeni, non mi resta che fare una denuncia politica”.

Poi, parlando della gestione dell’immigrazione e della recente direttiva ai prefetti sui balordi nei centri storici, il sindaco di Palermo accusa il governo Conte di fare “un gioco delle parti intollerabile”. “Considero il premier Conte e il vice Di Maio complici e responsabili delle posizioni politiche di Salvini. Siamo in presenza di un governo che utilizza l’odiosa immunità parlamentare per difendere il ministro dell’Interno dal reato di sequestro. Il nostro Paese è a rischio di tenuta democratica”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.