21 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.09
Trapani

Un infarto fulminante venerdì 15, in serata

Mondo del mare in lutto: morto Giovanni Tumbiolo, presidente del Distretto Pesca e Crescita Blu

16 Giugno 2018

Il mondo della pesca siciliana è in lutto per l’improvvisa morte di Giovanni Tumbiolo, 60 anni, il presidente del Distretto della Pesca e Crescita Blu di Mazara del Vallo. Tumbiolo è deceduto nella serata di ieri dopo un infarto fulminante mentre si allenava in una struttura alberghiera di Mazara.

pittella-cosvap-pesca-04-blue-economic-zone-mediterraneo-tumbioloEra uno dei maggiori esperti nel settore pesca ed era stato anche capo delegazione in missioni commerciali e scientifiche inerenti la pesca, l’acquacoltura e l’agroalimentare in Egitto, Libia, Tunisia, Giordania, Libano, Algeria. Nato a Mazara del Vallo, città dove viveva, si era laureato a Palermo in economia e commercio con il massimo dei voti discutendo una tesi in diritto internazionale del mare sul tema “Disciplina giuridica della pesca marittima e contenzioso italo- tunisino”.

Iscritto all’albo dei dottori commercialisti, Tumbiolo aveva fatto pure un master Manager di Economia Aziendale. Poi era stato ricercatore presso l’Istituto di Diritto della Navigazione e del Lavoro dell’Università di Palermo e quindi ha trascorso la sua vita ad occuparsi dei problemi della pesca e dei pescatori.

Sposato con l’avvocato Daniela Grimaudo, padre di Marco e Vittoria, era noto come l'”ambasciatore del Mediterraneo” per il suo impegno e la sua passione nello sviluppo di una rete di rapporti internazionali, e in particolare con Paesi africani, per una corretta gestione degli spazi marini in modo da superare le conflittualità che in esso si potevano creare. Tumbiolo era spesso intervenuto, tramite i contatti che aveva avviato, per giungere alla soluzione di diversi sequestri di pescherecci in particolare mazaresi da parte di Paesi dell’altra sponda del Mediterraneo.

Blue sea land, Giornata D'AfricaEra un convinto assertore della blue economy e dell’economia circolare. Fortemente impegnato nella costruzione di un processo di cooperazione, dialogo e pace tra i popoli, aveva ideato e portato avanti, in particolare con la Regione, la kermesse Blue sea land, expo dei cluster di Mediterraneo, Africa e Medioriente, che oltre allo sviluppo economico promuove il dialogo interculturale e interreligioso e che nell’edizione 2017, la settima, ha visto la partecipazione di delegazioni di 58 Paesi.

Nel corso delle diverse edizioni della manifestazione ha ricevuto vari riconoscimenti, tra i quali la medaglia della presidenza della Repubblica italiana. Giovanni Tumbiolo, che non perdeva di vista i problemi della sua città, tra il 1987 e il 1990 aveva ricoperto il ruolo anche di presidente dell’associazione siciliana delle cooperative della pesca e di vicepresidente nazionale dello stesso organismo. Giovanissimo aveva svolto attività sindacali in Confindustria dove è stato componente della Commissione Affari esteri dei giovani industriali con delega ai rapporti con i Paesi del Mediterraneo.

Premio Vela Blue Sea Land 2016
Premio Vela Blue Sea Land 2016

Tra il 1994 e il 1996 fu assessore allo Sviluppo economico alla Provincia regionale di Trapani. Ha ricoperto anche il ruolo di segretario della Consulta per la difesa del mare dagli inquinanti e ha fondato il Consorzio siciliano per la valorizzazione del pescato e del Distretto produttivo della pesca ed è stato coordinatore dei distretti agroalimentari. Era stato nominato dai governatori dei distretti italiani del Rotary international presidente del Comitato interpaese Italia-Tunisia ed è stato consulente per gli affari marittimi e internazionali di vari ministeri e assessorati regionali. Cordoglio alla famiglia oltre che dal sindaco Nicola Cristaldi sta arrivando da diverse personalità italiane e internazionali.

Il Distretto della Pesca e Crescita Blu comunica che “il funerale del Presidente del Distretto della Pesca e Crescita Blu Giovanni Tumbiolo, si svolgerà oggi, sabato 16 giugno, alle 13:30 nella Basilica Cattedrale del S.S. Salvatore, dove possono recarsi tutti coloro i quali potranno portare al Presidente Tumbiolo l’ultimo saluto. 

Tutti i componenti, lo staff, i collaboratori, il CDA del Distretto della Pesca e Crescita Blu, piangono la grave perdita e rinnovano il profondo cordoglio stringendosi alla famiglia. Giovanni Tumbiolo è stato un uomo simbolo della rinascita della pesca in Sicilia, stimato da tutti, in particolare dalle alte cariche dello stato e dai principali rappresentanti dell’attività agro-ittico alimentare del Mediterraneo e dell’Africa Subsahariana”.

LE REAZIONI:

L’assessore regionale per la Pesca Mediterranea, Edy Bandiera, fa le condoglianze alla famiglia e parla di Tumbiolo come “uomo d’intelligenza vivace e di straordinaria capacità relazionale per tutto il comparto produttivo legato alla pesca e al mare. Da grande conoscitore delle istituzioni e del mare ha saputo mediare come pochi. La Sicilia perde un uomo di grande valore, che ci lascia un patrimonio di attività e relazioni importanti”.

lagalla“Il saluto che, oggi, siamo prematuramente chiamati a rendere a Giovanni Tumbiolo non è, né può essere, l’ultimo, rispettoso e doloroso atto verso un grande amico ed un coraggioso siciliano. Esso – dice l’assessore regionale alla Formazione, Roberto Lagalla –  deve, piuttosto, rappresentare una promessa e un atto di ulteriore e collegiale impegno, affinché lo straordinario lavoro di Giovanni non abbia a perdersi nel vuoto della sua scomparsa. Ho conosciuto bene Giovanni. In questa consuetudine, sono cresciuti sentimenti autentici di ammirazione, apprezzamento e soddisfazione per quanto egli fosse capace di fare nell’interesse vero ed autentico della Sicilia e dei siciliani più fragili e bisognosi di aiuto. Muovendo dalla felice intuizione della centralità del mare e del valore aggiunto della pesca, ha saputo teorizzare e concretizzare la costruzione di un prezioso percorso di rapporti internazionali, di mediazioni e di valorizzazione territoriale che trovavano il proprio coagulo culturale  nella centralità del Mediterraneo e nello sviluppo, coordinato e pacifico, dei Paesi che vi si affacciano. 

Scompare un Amico, un raffinato cultore di innovazione, un operoso costruttore di futuro. Per una volta, mi rifiuto di immaginare chi ci ha lasciati, ammiccante dal Suo meritato pertugio nel Cielo. Mi piace piuttosto pensare a Giovanni che, sacrificatosi come Colapesce per la sua Sicilia, ha voluto tuffarsi, silenziosamente e per sempre, in quell’amato ed azzurro mare dalle cui profondità regge, come in una moderna e rinnovata leggenda, le sorti ed il domani di questa nostra Isola”.

SCORRI LE FOTO:
Premio Vela Blue Sea Land 2016
nella foto il presidente del Distretto della Pesca e Crescita Blu, Giovanni Tumbiolo, nel corso del suo intervento a Ecomondo, a Rimini
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.