26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.28
Palermo

aveva 83 anni

Morto Gianni Parisi, storico esponente del Pci siciliano

20 Aprile 2019

È morto a Palermo l’ex deputato regionale del Pci, Gianni Parisi. Aveva 83 anni. Fece parte dell’Assemblea siciliana dall’81 al ’96 e fu capogruppo dei comunisti.

Nell’estate del ’92, con l’ingresso del Pci nel governo del democristiano Giuseppe Campione, Parisi fu vicepresidente della Regione e assessore alla Cooperazione.

Poco più che ventenne, nel ’56 il partito lo mandò a Mosca dove studiò all’università e dove conobbe Svetlana, che sposò e dalla quale ebbe tre figli. Parisi fece parte del Comitato centrale del Pci e nel ’76, dopo la stagione di Achille Occhetto, fu eletto segretario regionale del Pci in Sicilia, guidando il partito fino all’81.

Nel 2003 pubblicò per Sellerio “Storia capovolta”, un racconto tra l’autobiografico e il diaristico che percorreva mezzo secolo di politica, dal 1951 al 2001.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.