26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 00.42
Palermo

Altro corteo a Palermo

No all’alternanza: gli studenti scendono in piazza contro la “Buona Scuola”

9 Novembre 2017

Gli studenti tornano in piazza , dopo le manifestazioni del 6 e del 13 ottobre scorsi. Lo faranno domani 10 novembre, partiranno da Piazza Croci, unendosi al corteo dei  lavoratori dell’Amat e dell’Ast che protestano per il Jobs Act, con arrivo a Piazza Croci.

Gli studenti medi ed universitari manifesteranno ancora contro le politiche economiche e sociali del governo Gentiloni e contro la legge 107 della “Buona Scuola”, che secondo loro non fanno altro che peggiorare le condizioni degli studenti e dei lavoratori del mondo della scuola.

Molti gli striscioni e i manifesti appesi durante la notte in città da parte degli studenti, in cui si rivendicano il “no all’alternanza” e l’intenzione di scendere in piazza per far sentire ancora la propria voce.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.