13 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.36

Questione di "copyright"

Nuove grane per Renzi: “Azione civile” esiste già, Ingroia lo accusa di plagio

13 Agosto 2019

Crisi di governo? La prima opzione rimane quella delle urne. Tuttavia, il Partito democratico aspetta il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per vedere quali saranno le ipotesi di soluzione sul tavolo.

Nicola Zingaretti, intanto, richiama il suo partito all’unità dopo lo ‘strappo’ di Matteo Renzi, con l’ipotesi di un governo a tempo Pd-M5s che faccia solo la manovra economica, e soprattutto l’annuncio del prossimo varo di Azione Civile, il movimento di stampo macroniano con il quale Matteo Renzi certificherebbe il suo addio al Pd, denominazione che viene intanto rivendicata dall’ex magistrato Antonio Ingroia.

Lo scenario di una scissione non è ancora stato smentito da nessuno, tanto che dalla maggioranza dem c’è chi definisce “grave” il silenzio dell’ex presidente del Consiglio su questo argomento: “È grave che nessuno di quella parte di minoranza renziana abbia ancora smentito la scissione annunciata oggi ai giornali e la nascita di un nuovo soggetto politico chiamato Azione Civile“. Ma dalla maggioranza Pd viene anche rimarcato lo scarso fascino che la exit strategy di Renzi sta esercitando su parlamentari, dirigenti e base del partito. Effetto dei richiami all’unità di Zingaretti, forse.

Ma la proposta di Matteo Renzi di un governo per fare la manovra e andare solo dopo ad elezioni sembra non fare presa all’interno del Partito Democratico, nemmeno nei gruppi parlamentari dove i renziani sono in maggioranza. In particolare, a non convincere è l’idea di accelerare verso la formazione di quel movimento, Azione Civile.

Le dichiarazioni di Antonio Ingroia sui social.

Da Azione civile ad azione legale. Il nuovo partito di Matteo Renzi non è ancora nato (e non è dato sapere se nascerà) e all’orizzonte si preannuncia già un parto tumultuoso. Oltre alle conseguenze politiche che una scissione a destra dal Pd dell’ex-premier avrebbe sugli equilibri del centrosinistra, una “grana” di entità minore ma fastidiosa per il disegno della en marche italiana potrebbe essere rappresentata dall’ex-magistrato Antonio Ingroia, che ha fatto oggi sapere, con una nota durissima, di essere l’unico titolare del nome in questione.

“Azione civile”, infatti, è il nome del movimento fondato da Ingroia dopo “Rivoluzione civile”, sigla dismessa dopo il deludente risultato alle elezioni del 2013.

Ingroia sostiene ora di aver registrato il nome e un simbolo, e che quindi non sarà possibile per Renzi utilizzarlo. “Tentano di scippare il nostro nome – si legge nel comunicato firmato appunto Azione civile, movimento politico fondato e presieduto da Antonio Ingroia – è una notizia che ci indigna e scandalizza. ‘Azione civile’ è un nome depositato davanti ad un notaio, e già presente in varie elezioni, il nostro. Renzi e i suoi ‘comitati’ – prosegue – tengano giù le mani dal nome del nostro movimento. Respingiamo sdegnati al mittente – conclude il comunicato – questo tentativo”. Per capire se quello che sostiene l’ex-pm, ora, bisognerà verificare se effettivamente nome e marchio risultano depositati.

“Confondi lucciole per lanterne, caro Ingroia. I circoli lanciati da Renzi si chiamano ‘Comitati di azione civile’. Da qui l’ipotetico nome di ‘azione civile’ oggi evocato da anticipazioni giornalistiche” replica il vicepresidente della Camera, Ettore Rosato“del resto lungi da noi usare un’idea di Ingroia, per ragioni di tutela del nome e soprattutto scaramantiche”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.