20 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.53
Siracusa

Tra loro anche i medici che lo hanno avuto in cura

Inchiesta Procura, sette indagati per la morte dell’operaio di Rosolini

4 Gennaio 2017

Il 15 novembre Salvatore Barreca fu vittima di un fatale incidente nell’area di un cantiere di un’azienda specializzata nella trasformazione della pietra; per quasi due settimane è rimasto in coma, appeso tra la vita e la morte, fino al 26 novembre quando il suo cuore ha cessato di battere all’ospedale Cannizzaro di Catania. Per la morte dell’operaio di Rosolini sono state iscritte sette persone nel registro degli indagati nell’ambito dell’inchiesta aperta dalla Procura di Siracusa.

Secondo le ricostruzioni delle forze dell’ordine, l’uomo sarebbe caduto da circa due metri e mezzo, sbattendo con violenza la testa.  Tra i sette indagati ci sono i medici che lo hanno avuto in cura nei due ospedali, anche se l’ipotesi della Procura, che ha già raccolto le relazioni dei periti e alcune testimonianze, sembrerebbe essere quella di un incidente sul lavoro.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Rimembranze in un caldo giorno di luglio

Quando in giornate come queste si perdono o si commemorano personaggi di grande spessore personalmente non mi sento solo per la loro assenza, ma mi sento solo per la mancanza all’orizzonte di personaggi con potenzialità tali da eguagliarne lo spessore.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.