20 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.57

Pappalardo: "Applicata la legge"

Orchestra sinfonica siciliana, ‘licenziato’ il sovrintendente che risanò il bilancio della fondazione

28 Dicembre 2018

Quando nell’aprile 2016 Giorgio Pace è stato nominato sovrintendente della Fondazione orchestra sinfonica siciliana (Foss) di Palermo, l’ente aveva oltre 12 milioni di debiti. Adesso (per il terzo anno consecutivo) ha il bilancio in attivo. Ma la Regione siciliana, da cui dipende la Foss, il 24 dicembre scorso l’ha ‘licenziato‘ (tre mesi prima che scadesse il suo mandato), nominando al suo posto un commissario ad acta. Pace fino all’inizio del 2018 è stato anche commissario straordinario allo Stabile di Catania, chiuso da cinque mesi prima del suo arrivo, e anche lì ha sistemato i conti.

L’assessore regionale allo Spettacolo, Sandro Pappalardo, spiega che ha solo applicato la legge: “Tre dei cinque membri del Cda si erano dimessi e le norme mi obbligano a intervenire con la nomina di un commissario. La stessa cosa ho fatto con i teatri di Messina e Catania“. Pace, che ha annunciato ricorso, ribatte che “compito dell’assessore non è la nomina di un commissario, ma la sostituzione dei membri mancanti del Cda“. I rumors dicono che l’operazione palermitana prelude a un ritorno alla Foss di Ester Bonafede, ex assessore ed ex parlamentare regionale centrista, che già era stata sovrintendente della Foss per otto anni.

La Foss – trasformata il fondazione soltanto nel 2001 – opera dal ’58, quando si chiamava Oss, e ha 113 dipendenti (erano 141 nel 2016), di cui 74 orchestrali stabili; le spese per il personale ammontano a 7,2 milioni. La spesa per l’attività artistica era di appena 350 mila euro, cresciuta in meno di tre anni fino agli attuali 1,2 milioni. Con la vecchia gestione, i fornitori e gli artisti esterni non ricevevano pagamenti dal 2011, sbloccati nel 2016. Pace ha fatto un prestito a 30 anni per estinguere tutti i debiti, 7 milioni dei quali costituiti da cartelle esattoriali. Sulla rimozione del sovrintendente, M5S e Pd hanno annunciato interrogazioni parlamentari.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.