12 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.19
Messina

LA SQUADRA ALLUNGA NELLA SERIE

Orlandina, una grinta da leoni: la finale è più vicina!

29 Maggio 2019

L’ Orlandina si riconferma come la squadra da battere in questi play-off di Serie A2, battendo in gara due Bergamo per 85-72. Dopo la vittoria di gara uno, i ragazzi di coach Marco Sodini soffrono fino a metà partita, ma riescono a cambiare marcia nel terzo quarto con il solito duo Triche – Parks, abili a prendersi parecchi falli sotto canestro e a realizzare a cronometro fermo.

Capo d’Orlando parte forte nel primo quarto con un parziale di 13-3 a metà primo quarto, per poi farsi rimontare da una Bergamo senza nulla da perde e con la necessità di fare risultato in vista dei prossimi match casalinghi. La stella di Roderick brilla al Palafantozzi, a differenza di quanto visto in gara uno dove il playmaker di Bergamo è stato più croce che delizia per i suoi compagni di squadra. Il primo quarto si chiude sul 22 pari.

L’equilibrio continua anche nel secondo quarto, dove nessuna delle due squadre riesce a creare un solco vero e proprio. La difesa orobica mette in difficoltà i tiratori dell’Orlandina, con un Brandon Triche con molti problemi dall’arco (0 su 10 da tre in partita), abile però a prendersi tanti falli e a servire assist sul piatto d’argento per i compagni. I bergamaschi però rimangono in partita, anche grazie ad un Fattori decisamente in serata ed autore di sedici punti complessivi. L’Orlandina và all’intervallo lungo avanti di due (42-40).

Il terzo quarto si apre come si era chiuso il secondo, con Bergamo che tira di più da tre e la Benfapp che lavora molto sotto ferro. Poi la svolta arriva a metà tempo, con Triche che sale in cattedra e trascina i suoi sul +9, anche grazie ai punti pesanti di Jordan Parks (26 punti complessivi) sotto canestro. Nell’ ultimo quarto la Benfapp allunga, con Bergamo che paga i ritmi folli di inizio partita e cala fisicamente nel finale.

Coach Sodini si può ritenere soddisfatto della prestazioni dei suoi, valutando anche la grossa prestazione di Bergamo, autrice di un ottima partita fino al 25′. Migliore in campo per la Benfapp il solito Brandon Triche, che è stato premiato come MVP dei quarti di finale dalla Lega Nazionale Pallacanestro. I suoi 24 punti ma soprattutto i suoi 14 assist hanno condizionato la partita nel momento decisivo del match. Per i bergamaschi, grande partita di Roderick e di Fattori, ultimi a mollare per gli orobici.

Si torna in campo al Pala Agnelli nel match di gara tre previsto per giovedì. L’Orlandina potrà già chiudere i giochi per la finale, ma occhio a sottovalutare Bergamo, formazione concreta e cinica che tira fuori il meglio di se nei momenti di crisi.

 

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.