18 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.55

L'invito del primo cittadino di Palermo

Orlando ci riprova: “I migranti della nave Sea Watch li accogliamo noi”

24 Gennaio 2019

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha inviato una lettera al comandante della nave Sea Watch 3 che nei giorni scorsi ha raccolto 47 naufraghi al largo delle coste libiche e alla quale non è stato ancora indicato un porto per l’attracco.

La nave sta facendo rotta verso le coste italiane, nonostante il ministro dell’Interno Matteo Salvini abbia confermato che gli sbarchi di migranti sono vietati e con un post sui social, abbia ribadito che i porti sono chiusi alle imbarcazioni Ong.

Intanto, né l’Italia e neanche altri stati europei hanno accolto la richiesta di sbarco giunta dalla nave. Orlando, comunque, si dice pronto ad accogliere la Sea watch.

La dichiarazione del sindaco Orlando

“Di fronte alle ennesime tragedie del mare causate da politiche criminali e criminogene dell’Europa e dell’Italia – afferma Orlando – e di fronte all’impegno umano e civile di chi salva vite umane, chiediamo con urgenza che, nel rispetto della Costituzione italiana e del diritto internazionale, sia garantito al più presto un approdo sicuro”.

“Come sempre, Palermo, con il suo collaudato sistema di accoglienza – conclude – che coinvolge tanti soggetti pubblici e privati e una vasta rete sociale di solidarietà, è pronta ad accogliere questi naufraghi e gli uomini e le donne che li hanno salvati da morte certa”.

La replica della Lega

Sulla vicenda la Lega interviene con Igor Gelarda, capogruppo in consiglio comunale a Palermo e responsabile siciliano enti locali del partito guidato dal vicepremier Salvini: “Il sindaco Orlando vuole accogliere al porto di Palermo i migranti della nave Sea Watch 3. Il primo cittadino palermitano non perde occasione per fare polemica con il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Paradossalmente, in questo caso, potremmo anche essere favorevoli a questa presa di posizione. Se l’annuncio di Orlando dovesse concretizzarsi, infatti, al porto potrebbero arrivare carovane di palermitani abbandonati a loro stessi, con la speranza che il sindaco finalmente si accorga, e decida di accogliere, pure loro”.

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.