16 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.58
Palermo

il primo cittadino lancia l'hashtag #PALERMOnonsivende.

Orlando lancia campagna sul web contro il voto di scambio

7 Giugno 2017

orlando accusa

Il candidato sindaco di Palermo e primo cittadino uscente Leoluca Orlando lancia sul web e sui social network una campagna contro il voto di scambio, associata all’hashtag #PALERMOnonsivende.

“In questa campagna elettorale – afferma Orlando – è stato chiaro che il malaffare e la mafia stanno tentando di tornare a Palazzo delle Aquile, da dove li abbiamo cacciati cinque anni fa. Oggi e’ chiaro che i soliti burattini che muovevano la vecchia amministrazione e che hanno massacrato la città vogliono tornare ora con nuovi burattini. Nuove facce, vecchi interessi”.

Per Orlando “la mafia è tornata ad usare i vecchi metodi di sempre: la promessa di soldi, di favori, di posti di lavori, di pacchi di pasta. Dove questo non basta, sono tornati i messaggi ben più espliciti e le minacce”.

Dal sindaco in carica quindi un invito ai palermitani a “non vendersi”. “I palermitani hanno riscoperto in questi anni la propria autostima, hanno riscoperto che siamo noi e non gli altri a fare il cambiamento. Vi chiedo di ribadire con forza che Palermo non si vende”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.