16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.39
Palermo

Il sindacato: "Mancano 340 infermieri"

Ospedale Civico a corto di personale. Cisl Fp: “Allarme rosso”

4 Gennaio 2019

I dipendenti e le organizzazioni sindacali lo ripetono incessantemente da settimane che l’ospedale Civico di Palermo è a corto il personale e che con l’arrivo del 2019 i servizi e le prestazioni sarebbero stati a rischio. A lanciare “l’allarme rosso” stavolta è la Cisl Funzione pubblica Palermo Trapani che ha inviato una nota al neo commissario straordinario dell’azienda, Roberto Colletti. Nei giorni scorsi erano stati i sindacati autonomi a sollevare il problema con assemblee e sit-in. Iniziative che la nuova dirigenza del nosocomio palermitano, da poco nominata dal governo regionale, aveva ascoltato con attenzione, manifestando aperture e disponibilità.

Il confronto, quindi, è stato avviato, ma nel frattempo le emergenze incombono. Mancano 340 infermieri – affermano la segretaria aziendale Carmela Germanà e Alessandro Magno, Maria Barone, Emanuele Bordonaro, e Ciro Caldaronello delle Rsu della Cisl Fp Palermo Trapani – e questo gap è stato colmato parzialmente coperto dal personale in attività di libera professione. È stata attivata la procedura di reclutamento attraverso la mobilità regionale ed extraregionale per 170 unità, ma vanno subito espletate le procedure necessarie per l’immediata immissione in servizio dei vincitori”.

Secondo la Cisl Fp Palermo Trapani, oggi il Civico di Palermo è ben lontano dagli standard di riferimento nazionale e regionale che portano un’azienda sanitaria a garantire alti livelli di qualità assistenziale. La carenza di personale non riguarda soltanto il personale medico. “Anche il personale amministrativo come quello degli Oss – aggiunge la Cisl Fp Palermo Trapani – è sottodimensionato rispetto alle esigenze reali. Serve un impegno straordinario per la rinascita di questa struttura che potrebbe essere un fiore all’occhiello per la sanità siciliana”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.