10 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.02
Palermo

BUON TEST PER I ROSANERO

Palermo-Calcio Popolare, il derby in famiglia finisce 9-1

10 Ottobre 2019

Termina 9-1 l’amichevole in famiglia fra il Palermo e il Calcio Popolare. Quattro le reti nel primo tempo, tre delle quali di marca rosanero (Ficarotta, Sforzini e Corsino), mentre per il Genio ha realizzato Di Vincenzo.

La ripresa invece è stata tutta del Palermo, con sei reti a rendere pesante il parziale (Kraja, Ambro, Ricciardo, Santana, Felici e Rizzo Pinna).

Giornata gradevole al Pasqualino Stadium, con un bel sole ed una temperatura intorno ai 25 gradi. Buona cornice di pubblico, soprattutto da parte dei tifosi del “Genio”, sempre presenti in tutte le partite della loro squadra.

L’aria è più quella di una sfida in famiglia, un calcio differente rispetto a quelle della domenica pomeriggio a cui siamo abituati. Nel prepartita la squadra verderosanero ha esposto uno striscione riportante la scritta “Il Genio per il Calcio Popolare, l’aquila per tornare a volare”.

LA FORMAZIONE ROSANERO

PALERMO: 22 Fallani, 4 Accardi, 7 Corsino, 14 Ficarrotta, 15 Marong, 21 Lucera, 26 Mauri, 27 Vaccaro, 32 Sforzini, 33 Langella, 54 Peretti.

A disposizione: 1 Pelagotti, 12 Corallo, 3 Bechini, 5 Ambro, 6 Martinelli, 8 Martin, 9 Ricciardo, 10 Rizzo Pinna, 11 Santana, 17 Ferrante, 19 Lancini, 23 Doda, 24 Crivello, 73 Kraja, 75 Felici.

IL MATCH

Il Palermo passa in vantaggio all’ottavo minuto grazie al gol di Ficarotta. Bella azione di Raimondo Lucera sulla sinistra, che penetra in area e scarica per il numero quattordici che insacca. Subito dopo bello scambio fra Ficarotta e Sforzini, con quest’ultimo che calcia centrale fra le braccia del portiere.

Al dodicesimo bel lancio per Ficarotta lanciato a rete. L’attaccante palermitano è troppo altruista e, invece di tirare, serve Sforzini in area ma il passaggio e troppo lungo e si spegne in fallo laterale. Al minuto 17′ il Palermo Calcio Popolare pareggia grazie a un vero e proprio eurogol di Di Vincenzo, con un tiro da oltre quaranta metri che beffa Fallani e si insacca.

Al ventunesimo occasione per Langella solo in area, ma il suo piatto destro si spegne a lato di Corallo, terzo portiere del Palermo schierato in porta per rendere la partita più equilibrata. Al 35′ il Palermo raddoppia con un bel colpo di testa di Sforzini, che corregge in rete l’ottimo cross di Corsino.

Al 39′ il Palermo triplica con un bel destro dal limite proprio di Corsino. La fucilata dai venti metri è imparabile per il portiere avversario, Palermo – Calcio Popolare 3-1. Il primo tempo si spegno così, dopo un minuto di recupero.

Nel secondo tempo Rosario Pergolizzi esegue molti cambi, praticando un necessario turnover in vista della sfida con il Biancavilla. Al quarto Rizzo Pinna ha l’occasione per smentire il suo mister, ma il suo tiro è troppo centrale, para il portiere del Calcio Popolare. Al quattordicesimo della ripresa Emanuele Rizzo Pinna riesce a realizzare, ma il gol viene annullato per fuorigioco.

A metà del secondo tempo il Palermo cala il poker con Kraja, su una papera clamorosa del portiere del Genio. La difesa ospite è in confusione e regala tanti palloni agli avversari. Su uno di essi, Ambro calcia al volo ma il suo tiro viene deviato in angolo. Sugli sviluppi del corner, è proprio il numero 5 rosanero a firmare il quinto gol. Il centrocampista rosanero è stato bravo a liberarsi in area e a battere il portiere sul secondo palo.

Al 72′ occasione per Ricciardo, che di testa non riesce a ribadire in rete un bel cross del neo entrato Ferrante. Due minuti dopo, altro errore della difesa del Genio, con Ricciardo che recupera un bel pallone in area e lo serve su un piatto d’argento ad Ambro, ma il numero cinque spara alto sulla traversa.

Al 77′ il bomber rosanero si mette in proprio, entra in area di rigore, salta il portiere e deposita in rete il gol del 6-1. Un minuto dopo il Palermo piazza il settimo gol con un bel destro dal limite di Felici. Tre minuti dopo i rosanero dilagano con Santana, che fa quel che vuole al limite dell’area e poi spiazza il portiere con un sinistro a giro che prima bacia il palo e poi si insacca in porta.

Alla festa del gol prova a partecipare anche Rizzo Pinna, ma la dea bendata non è con lui e il suo tiro finisce ancora alto sulla trasversale. A cinque minuti dal novantesimo il fantasista rosanero riesce finalmente a trovare il gol sull’ennesimo contropiede della squadra di Pergolizzi. Al novantesimo esatto l’arbitro fischia la fine: Palermo – Calcio Popolare termina 9-1.

 

 

 

 

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.