13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.29
Palermo

La lettera di " Amari Cantieri"

Palermo, cantieri senza controlli: “Anello Fs e collettore fognario, lavori fermi”

1 Luglio 2018

Dopo le polemiche relative alla proroga concessa dal Comune di Palermo alla ditta che sta eseguendo i lavori al collettore fognario di via Roma, l’Associazione Amari Cantieri guidata da Francesco Raffa torna a pungere l’Amministrazione Orlando, mettendola di fronte alle sue responsabilità.

Necropoli via Guardione
via Guardione [Foto Mauro Alessi]
Stando ad una nota di pochi giorni fa diramata dall’assessore alle Infrastrutture Emilio Arcuri, «il Servizio Mobilità ha modificato l’ordinanza sul traffico veicolare in via Roma, riducendone la validità al 31.10.2018 (anzichè al 29 dicembre), al fine di limitare il periodo dei disagi che i lavori inevitabilmente causano per i cittadini e i residenti. Il Rup, su indicazione dell’Amministrazione Comunale, ha ordinato l’aggiornamento del cronoprogramma dei lavori, prevedendo l’eventuale ricorso a più turni giornalieri di lavoro e/o all’estensione delle giornate lavorative anche nel giorni prefestivi e festivi. Tutto questo, appunto, con l’obiettivo di portare al completamento dei lavori del pozzo Roma/Guardione entro il prossimo 31 ottobre».

La stima iniziale per questa tranche di lavori era fissata in 6 mesi. Adesso invece la Sikelia dovrà effettuarli in 4 mesi. Ma senza doppi turni e lavori in notturna, difficilmente si rispetteranno i tempi.

Ecco perché Francesco Raffa ha deciso spedire una lettera al Comune, invitandolo a vigilare più attentamente, sia sul cantiere dell’Anello ferroviario, sia sul collettore denominato “Sistema Cala”. 

“È notorio che – si legge nel documento dell’Associazione Amari Cantieri – un cantiere pubblico inoperoso crea tantissimi disagi alla cittadinanza, con il presente documento intende rendere noto come nella città di Palermo i cantieri per l’Anello ferroviario e per la condotta fognaria (via Roma) siano, seppure per ragioni diverse, praticamente fermi e rendere noti quali siano i disagi “secondari” che tale stasi determina.

Francesco Raffa (comitato Amari cantieri)
Francesco Raffa (comitato Amari cantieri)

In merito alla chiusura dell’Anello ferroviario (anche noto come Tranello) – scrive Raffa – l’Area 5 di via Emerico Amari è stata occupata a partire dall’8 di Maggio e ad oggi la singhiozzante attività cantieristica ha prodotto la sola esecuzione dei solchi per la bonifica bellica. L’ordinanza che ha dato inizio a questa fase stabilisce la riconsegnata dell’area entro il 31/12/2018, ma se in tre mesi (sì 3 mesi perché l’ord. disponeva la chiusura a partire dal 9 aprile) hanno realizzato quanto si sarebbe potuto (e dovuto) fare in 3 giorni… Dall’inizio del Tranello in via Amari hanno chiuso 17 attività commerciali qualcosa ci fa credere che il numero sia destinato a lievitare anche in ragione del fatto che le aree appena liberate (dopo un’occupazione che doveva durare 11 mesi e si è protratta per 28) sono completamente abbandonate a forme d’abusivismo disparate che producono ulteriore danno a chi opera nel rispetto delle norme ed ai residenti,costretti a delle vere e proprie gincane per raggiungere la propria dimora!”

“Per quanto riguarda il Collettore fognario di via Roma – prosegue Raffa – la stasi del cantiere sarebbe stata determinata dalla presenza della rete telefonica all’interno della condotta fognaria e nel merito ci limitiamo a dire che ci pare ovvio che la situazione doveva essere nota sia alla stazione appaltante Comune di Palermo che deve aver autorizzato (illo tempore) tale ubicazione sia al gestore della rete telefonica Telecom ed allora non si comprende come si possa dare inizio ad un’opera (nello specifico il 3 di Aprile) senza aver preventivamente concordato l’intervento per lo spostamento della sottorete in oggetto (come di tutte le altre del resto). collettore fognario

Questo mancato coordinamento ha portato alla stasi del cantiere una volta terminato lo spostamento delle altre sottoreti (precisamente dai primi giorni di Maggio). Ad oggi sappiamo che il cantiere è formalmente nelle mani di Telecom dal 25/06 ma non vi è alcuna attività. Di certo c’è che il ritardo sarà difficile da recuperare. Nel frattempo l’area che precede il cantiere fino alla via Cavour è stata riservata a parcheggio libero per 30 minuti; ebbene la mancanza di senso civico e la mancanza di attività sanzionatoria da parte della Polizia Municipale, fa si che l’area diventi spesso non percorribile per gli stessi pedoni… al danno la beffa! Desideriamo concludere con l’auspicio che le predette aree vengano restituite ai cittadini nel pieno rispetto delle norme e non abbandonate a se stesse perché purtroppo – conclude amaramente – sul senso civico di molti nostri concittadini non si può certo fare affidamento!»

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.