9 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.37
Palermo

in programma giovedì 26 settembre

Palermo: ecco NinnaSud, le più belle nenie della tradizione popolare

19 Settembre 2019

Da sempre le mamme hanno cullato e accompagnato i loro bambini nel mondo dei sogni con le ninne nanne, quelle melodie rasserenanti che nascono dalla tradizione popolare.

Ed è proprio dal canto di una ninna nanna al proprio bambino che, alla mamma e cantante Emanuela Fai, nasce l’idea di NinnaSud, ovvero la voglia di raccogliere e cantare le più belle nenie del sud d’Italia, che si concretizza, giovedì 26 settembre alle 21:30, nella splendida cornice del Complesso Monumentale dello Spasimo a Palermo.

A cullare gli spettatori e risvegliare l’intimo legame tra madre e figlio, saranno la voce e la chitarra di Emanuela Fai, accompagnata dalla voce, fisarmonica, tamburi a cornice e marranzano di Virginia Maiorana, che ha curato gli arrangiamenti di 11 nenie tradizionali.

Il progetto, fortemente voluto dall’associazione di promozione sociale “Nessunacentomila”, è stato inserito nel cartellone degli eventi artistico-culturali “Estate allo Spasimo 2019”.

Tra una nenia e l’altra, verranno letti dei brevi testi che Tiziana Palma ha scritto per unire le ninne nanne, lasciandosi ispirare dal cuore di mamma e dall’amore che prova come maestra per i suoi piccoli alunni.

Per Emanuela Faiuna nenia è quel valore ancestrale che portiamo dentro, che abbraccia le nostre tradizioni. Ognuno di noi ha una ninna nanna che ricorda e custodisce nei propri ricordi, per cui il nostro intento è far rivivere al pubblico un momento magico“.

Abbiamo fatte nostre le musiche delle nenie tradizionali – dice Virginia Maiorana -. Sulla scena cercheremo, in modo romantico di emozionare e coinvolgere la gente attraverso le emozioni che solo una ninna nanna può dare“.

Quando abbiamo letto, sul sito del Comune di Palermo, il bando per la selezione di eventi da inserire nella programmazione estiva dello Spasimo – dice Maria Abbate, presidente dell’associazione di promozione sociale “Nessunacentomila -, non abbiamo avuto dubbi sulla scelta del tipo di evento da proporre. Da tempo collaboriamo con Emanuela Fai e Virginia Maiorana, e il loro spettacolo “NinnaSud” ci è sembrato la giusta coniugazione tra la nostra finalità di promozione e diffusione della cultura, nel caso specifico artistica, e la loro idea di portare in scena le nenie tradizionali, che non poteva trovare miglior collocazione se non in un luogo ricco di storia e suggestivo come lo Spasimo“.

E’ possibile acquistare i biglietti, al costo di 12euro intero e 8euro ridotto, per bambini da 3 a 11 anni, contattando l’associazione “Nessunacentomila” al numero 3441641939 oppure scrivendo a info@nessunacentomila.com.
www.nessunacentomila.com

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.