13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.32
Palermo

L'8 marzo

Palermo, femministe in piazza bruciano bandiera della Lega | FOTO-VIDEO

9 Marzo 2019
'
'
'
'
'

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Durante una manifestazione per la festa della donna, ieri otto marzo, alcune donne hanno bruciato una bandiera della Lega. Il fatto è avvenuto a Palermo, con il movimento femminista in strada per protesta contro la violenza di genere e per affermare i propri diritti.

Al corteo hanno partecipato un migliaio di donne che hanno invaso il Centro storico. La bandiera della Lega è stata data alle fiamme in via Maqueda.

“L’azione simbolica – si legge in una nota – intende manifestare l’assoluto dissenso nei confronti del Ddl Pillon, disegno di legge sulla revisione delle norme in materia di separazione, divorzio e affido dei minori che riporta la condizione femminile indietro di millenni; delle derive razziste, xenofobe e securitarie delle politiche di Governo che vengono affermate e legittimate da chi sta al potere attraverso la strumentalizzazione dei corpi delle donne e della violenza di genere”.

L’iniziativa è stata promossa dall’associazione “Non Una di Meno Palermo”.

GUARDA IL VIDEO IN BASSO:

Gelarda: “Gesto d’intolleranza politica da non sottovalutare”

gelarda
Igor Gelarda

Non si è fatta attendere la replica del responsabile siciliano enti locali della Lega e capogruppo del Carroccio in consiglio comunale a Palermo, Igor Gelarda“La bandiera della Lega bruciata a Palermo durante il corteo dell’8 marzo è un brutto segnale d’intolleranza politica che nulla ha a che vedere con le rivendicazioni femministe. Non è comunque con questi atti che potrà essere rallentato il nostro cammino rispetto alle riforme che ci chiedono gli italiani. Dalla Sicilia alle Alpi”.

L’intervento da Messina, dove alle 17 i vertici regionali del partito incontreranno i cittadini sui temi della legittima difesa e della sicurezza nella chiesa Santa Maria Alemanna, in via Sant’Elia, alla presenza tra gli altri di Gianni Tonelli, parlamentare nazionale e segretario della commissione di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere.

Per Gelarda, “il rispetto per gli avversari politici è una cosa fondamentale. Alzare i toni con questi gesti violenti è controproducente sia per chi li compie, che per l’intera comunità nazionale. Mi auguro che nessuno pensi di ridurre quanto accaduto al rango di folclore – conclude l’esponente siciliano della Lega – perché invece si tratta di un gesto esecrabile da non sottovalutare”.

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Grazie a Dio è Venerdì Jean-Jacques

Ho seguito la politica sui mezzi di comunicazione informatica fino al suggello dell’esito della crisi, attraverso i social e mi sono fatto un po' di domande sulla loro infallibilità. Ci si può fidare un "computerone"? È vera la completa assenza di un moderatore fisico in grado di influenzare e ribaltare le scelte del sistema informatico.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.