26 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.20
Palermo

L'8 marzo

Palermo, femministe in piazza bruciano bandiera della Lega | FOTO-VIDEO

9 Marzo 2019
'
'
'
'
'

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Durante una manifestazione per la festa della donna, ieri otto marzo, alcune donne hanno bruciato una bandiera della Lega. Il fatto è avvenuto a Palermo, con il movimento femminista in strada per protesta contro la violenza di genere e per affermare i propri diritti.

Al corteo hanno partecipato un migliaio di donne che hanno invaso il Centro storico. La bandiera della Lega è stata data alle fiamme in via Maqueda.

“L’azione simbolica – si legge in una nota – intende manifestare l’assoluto dissenso nei confronti del Ddl Pillon, disegno di legge sulla revisione delle norme in materia di separazione, divorzio e affido dei minori che riporta la condizione femminile indietro di millenni; delle derive razziste, xenofobe e securitarie delle politiche di Governo che vengono affermate e legittimate da chi sta al potere attraverso la strumentalizzazione dei corpi delle donne e della violenza di genere”.

L’iniziativa è stata promossa dall’associazione “Non Una di Meno Palermo”.

GUARDA IL VIDEO IN BASSO:

Gelarda: “Gesto d’intolleranza politica da non sottovalutare”

gelarda
Igor Gelarda

Non si è fatta attendere la replica del responsabile siciliano enti locali della Lega e capogruppo del Carroccio in consiglio comunale a Palermo, Igor Gelarda“La bandiera della Lega bruciata a Palermo durante il corteo dell’8 marzo è un brutto segnale d’intolleranza politica che nulla ha a che vedere con le rivendicazioni femministe. Non è comunque con questi atti che potrà essere rallentato il nostro cammino rispetto alle riforme che ci chiedono gli italiani. Dalla Sicilia alle Alpi”.

L’intervento da Messina, dove alle 17 i vertici regionali del partito incontreranno i cittadini sui temi della legittima difesa e della sicurezza nella chiesa Santa Maria Alemanna, in via Sant’Elia, alla presenza tra gli altri di Gianni Tonelli, parlamentare nazionale e segretario della commissione di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere.

Per Gelarda, “il rispetto per gli avversari politici è una cosa fondamentale. Alzare i toni con questi gesti violenti è controproducente sia per chi li compie, che per l’intera comunità nazionale. Mi auguro che nessuno pensi di ridurre quanto accaduto al rango di folclore – conclude l’esponente siciliano della Lega – perché invece si tratta di un gesto esecrabile da non sottovalutare”.

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.