12 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.46
Palermo

I due esponenti del Carroccio aderiscono all'invito di Ferrandelli

Palermo, Gelarda e Ficarra (Lega) annunciano le dimissioni da consiglieri: “Chi non lo fa è complice di Orlando” | Video

8 Ottobre 2018

Guarda il video in alto

Diventa sempre più scomoda la posizione del sindaco di Palermo Leoluca Orlando a cui sembrerebbe stia sfuggendo la situazione di mano a Palazzo delle Aquile. Le opposizioni sono sempre più dure nei confronti del primo cittadino, accusato di non fare gli interessi del capoluogo siciliano.

La settimana inizia con l’annuncio di Igor Gelarda ed Elio Ficarra della “Lega – Salvini premier” che si dicono pronti a dimettersi dal Consiglio Comunale di Palermo: I due consiglieri depositeranno oggi stesso dal notaio le dimissioni.

La Lega aderisce, quindi, all’invito di Fabrizio Ferrandelli che sabato 6 ottobre in una conferenza stampa insieme a Cesare Mattaliano, ha comunicato proprio la volontà di volersi dimettere. Ma le dimissioni dei, finora quattro consiglieri, diverranno irrevocabili qualora si dovesse raggiungere il numero necessario a sciogliere il consiglio comunale.

Questa iniziativa – affermano Gelarda e Ficarra- ci aiuterà a capire chi è vera opposizione in consiglio comunale e chi invece prende in giro gli elettori. Lo abbiamo sempre detto – aggiungono – e oggi lo dimostriamo con i fatti, non siamo attaccati ad alcuna poltrona. Invitiamo tutti i consiglieri comunali di buona volontà e specialmente quelli dell’opposizione, a fare altrettanto, e mandare a casa l’infelice sindaco Orlando, perché rimanere al proprio posto nella situazione attuale significa essere complici del sindaco e della sua maldestra gestione della Città.
In consiglio, o meno – concludono i due consiglieri – resteremo sempre vigili ed attenti alle dinamiche cittadine e sul campo a difendere i cittadini di Palermo”.

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.