16 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.26
Palermo

il fatto si sarebbe verificato mercoledì 15

Palermo, Giusto Catania: “Non ho aggredito l’Argiroffi. La denuncio”

16 Maggio 2019

Stiamo raccogliendo con il mio legale tutto il materiale utile per procedere all’esposto-denuncia alla procura di Palermo nei confronti della consigliera Giulia Argiroffi (M5s) per quanto ha dichiarato ieri in Consiglio comunale e scritto con un post su Facebook. Non c’è stata alcuna aggressione né insulto nei suoi confronti“, lo afferma l’assessore comunale Giusto Catania.

Ho incontrato la consigliera in via Ausonia davanti agli uffici dell’assessorato, per una decina di secondi, mentre con la sua automobile usciva dagli stalli di sosta riservati all’Amministrazione. Le ho fatto notare, sarcasticamente, che in quel momento stava godendo di un ‘privilegio’, lo stesso che lei, ipocritamente, mi aveva contestato il giorno prima scrivendo sui social. Infatti – prosegue – anche lei aveva sul cruscotto dell’automobile il pass che consente ai consiglieri comunali di parcheggiare negli stalli di sosta riservati ai veicoli dell’amministrazione e di percorrere le corsie preferenziali“.

Argiroffi – prosegue – era dentro l’abitacolo mentre era in movimento e io a distanza di almeno tre metri. C’erano diverse persone davanti all’ufficio e nessuno ha notato atteggiamenti deprecabili o violenti nei suoi confronti così come mi ha accusato attraverso i canali social e nel intervento ieri durante il Consiglio comunale, in mia assenza. Sono abituato allo scontro politico aspro e franco, ma non posso accettare le calunnie, le diffamazioni e le allusioni della macchina del fango e pertanto la Argiroffi ne risponderà nelle sedi giudiziarie“.

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, Giulia Argiroffi denuncia: “Aggredita da Giusto Catania per strada”

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.