13 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.21

Tutto esaurito per il concerto al Teatro Biondo

Palermo incorona Alessio Bondì, sold out per ‘Nivuru tour’

3 Gennaio 2019

Il Teatro Biondo gremito di pubblico e fan ha acclamato lo spettacolo live in band di Alessio Bondì. Dopo l’uscita del suo secondo album “Nivuru” e le prime date del tour internazionale che hanno visto il cantautore palermitano protagonista a Catania e Messina, adesso l’interprete di “Vucciria” e “Di cu si” fa il bagno di folla in città con uno spettacolo dal forte impatto emotivo.

Il concerto che ha incantato il pubblico ieri sera è il risultato di una costante ricerca di ispirazioni e immagini che puntano a connettere la cultura e la lingua siciliana con la musica del Sud del mondo. Un viaggio tra le sonorità africane, brasiliane, e capoverdiane che vanno dall’afro-funk alla Musica Popular do Brasil fa da cornice al dialetto palermitano e alle parole del cantautore. Un concerto potente che si è arricchito da giochi di luce di Francesco Scancarello, dagli allestimenti di grande formato curati dall’artista palermitano Igor Scalisi Palminteri e dal sound design di Francesco Vitaliti.

La band, composta da Carmelo Graceffa alla batteria, Federico Gueci al basso, Fabio Rizzo alle chitarre, Alessandro Presti alla tromba e Alfonso Vella al sax è energia pura sul palco,  un progetto musicale corale, unico nel panorama nazionale che esprime a pieno la svolta di Alessio Bondì che guarda con occhi attenti alla musica del mondo e rappresenta oggi uno delle espressioni di maggiore talento della World Music nel nostro paese.

Cantare a teatro è un’emozione preziosa – ammette il cantautore – stasera mi sono sentito accolto e abbracciato da un’intera città, si è sprigionata un’energia e un orgoglio giganteschi, che tutti hanno potuto sentire. In questo tour, e in generale in questo mio secondo album, le influenze della musica del Sud del mondo e la contaminazione musicale creano un caleidoscopio di identità attorno a un nucleo poetico Nero, ritmico e organico. La tradizione che si tradisce e si rinnova. Credo che in questo momento anche nella musica sia importante cercare un dialogo tra culture differenti, se ci si riesce è sempre una festa“.

Lo spettacolo di ieri sera si è arricchito del contributo straordinario di Marilena Sangiorgi al flauto e di Serena Ganci che ha regalato al pubblico un’emozionante versione di “Nivi Nivura” cantata a due voci insieme a Bondì.

Al concerto era presente anche Leoluca Orlando, affezionato fan del cantautore cittadino fin dalla prima ora “Alessio è uno straordinario artista – ha detto il Sindaco di Palermo – che richiama con grande sensibilità i valori della città coniugando in maniera mirabile, con la sua reputazione internazionale, radici e ali“.

Tra i prossimi appuntamenti in agenda per Alessio Bondì e band c’è l’importante partecipazione ad Eurosonic Festival di Groningen, meeting irrinunciabile per l’industria musicale di tutta Europa, dove il cantautore siciliano presenterà il suo secondo album, la raccolta di nove canzoni “Nivuru” prodotto da Fabio Rizzo e uscito il due novembre per 800A Records, etichetta indipendente palermitana

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.