10 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.59
Palermo

scritta con insulti su un manifesto elettorale

Palermo, intimidazione nella notte a Gelarda (Lega): “Traditore della Sicilia”

20 Aprile 2019

A Palermo, nella notte tra il 19 e il 20 aprile, una scritta intimidatoria che recita “Traditore della Sicilia” è comparsa su un manifesto elettorale di Igor Gelarda, candidato della Lega alle Europee del 26 maggio nel collegio Sicilia e Sardegna, già responsabile regionale enti locali del partito e capogruppo in Consiglio comunale.

La scritta è apparsa su un manifesto affisso nei pressi del carcere Ucciardone, a pochi metri dal centro sociale “Anomalia”.

La Lega opera ed agisce sui territori con le sue donne e i suoi uomini migliori; intimidazioni di questo tipo non ci spaventano“, dichiara Stefano Candiani, commissario della Lega in Sicilia e sottosegretario al ministero dell’Interno: “Casomai ha tradito la Sicilia chi non si è preso cura delle strade, degli ospedali e del territorio, non certo chi con caparbietà, come i candidati della Lega, si spende giornalmente per la propria terra. Il fatto che tramite la Lega possano essere eletti siciliani veri, determinati a cambiare la politica malandata che malgoverna la Sicilia, intimorisce perché farà vedere a chiare lettere la differenza tra chi ama veramente e chi una volta eletto tradisce la propria terra per opportunismo“.

“Questo clima di odio non ferma la Lega”, dichiarano in coro i candidati sindaco della Lega di Mazara, Giorgio Randazzo; Oscar Aiello di Caltanissetta; Giuseppe Romanotto a Monreale; Giuseppe Spata a Gela. “È invece il segnale che siamo sulla giusta strada, e che realmente una parte della Sicilia è pronta a girare pagina”. Solidarietà anche dai “Sovranisti”. 

“Non farò un passo indietro di fronte a questo rancore – dice Igor Gelardaperché so che la gente perbene sta dalla nostra parte”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.